Juventus. Allegri: "Contro la Roma cercheremo di prendere il punto dello scudetto"

Regolare Commento Stampare

"Con o senza Coppa Italia, in caso di scudetto, la stagione della Juventus sarà straordinaria, sarebbe il settimo consecutivo". Le critiche c'hanno fatto bene perché ci sono serviti per crescere e migliorare. La dirigenza della Vecchia Signora infatti è determinata a capire se Allegri ha gli stimoli per iniziare da capo da qui a due mesi, andando a caccia dell'ottavo scudetto consecutivo e della Champions, oramai diventata una vera e propria ossessione. "Ora mi sembra anche più pacato di prima, un bel segnale, anche se spero che domani (oggi, ndr) si incazzi un po'.".

Sabato sera la Juventus ha battuto 3-1 il Bologna, grazie all'autogol di De Maio e alle reti messe a segno da Khedira e Dybala. "Tra qualche giorno, al termine della stagione, mi rivedrò con il presidente e con la società e parleremo del mio futuro". Che tipo di partita ti aspetti?"Guarda, per la storia che caratterizza le due squadre, col Milan ho cominciato ben presto a capire che non si parte mai favoriti, sin dal lontano 2003 di una finale di Manchester".

"Scudetto? Non ha senso parlarne ora: pensiamo solo alla Coppa". Ammetto che ho avuto paura di chiudere la stagione con zero titoli, ma anche stavolta siamo riusciti a dimostrare che abbiamo sette vite.

Quote Juventus-Milan, chi sarà la vincitrice della TIM Cup? Ma c'è fiducia in Casa Milan.

Il presente, però, riserva a Gigi una finale di Coppa Italia da titolare: "Ho dei ricordi impolverati, sono passati quasi 20 anni dalla mia ultima con il Parma". Un calcio con polemiche e insinuazioni strane sugli arbitri non è più calcio, per una volta speriamo che il calcio italiano dia il buon esempio, evitando di farsi notare a livello mondiale come cattivo esempio. Abbiamo un pezzettino di vantaggio diciamo, ma finché la matematica non ce lo darà non parliamo di scudetto. C'è sempre stato grande equilibrio nelle quattro finali tra noi e loro: due le ha vinte il Milan ai rigori, due la Juve, una ai rigori e l'altra ai supplementari. Sicuramente non ricordo con piacere le tantissime polemiche per il disturbo procurato alla Nazionale a marzo.