Allegri: "Con il Milan servirà l'entusiasmo"

Regolare Commento Stampare

La quarta coppa Italia un traguardo straordinario come il settimo scudetto, quarto dell'era Allegri che la Juventus vuole conquistare. Queste le parole del tecnico bianconero alla vigilia del match con il Milan. Abbiamo un pezzettino di vantaggio diciamo, ma finché la matematica non ce lo darà non parliamo di scudetto. Le critiche? Ci hanno fatto bene per vedere i nostri difetti e le cose che sbagli.

In caso di vittoria, si aspetta che anche le altre squadre italiane e quelli che l'hanno criticata per il brutto gioco, paragonandolo a quello di Sarri, si alzino e la applaudano. Ha saputo rimetterti in discussione, dopo una carriera da campione. Bravo lui come lo stesso Inzaghi, mettersi al pari e ripartire dalla Lega Pro. Infine una battuta su Gattuso: "Mi sembra più pacato e questo è un bel segnale. Juan ha fatto un paio di letture sbagliate da terzino, per la non abitudine al ruolo, che comunque può fare". Sulla formazione non si sbilancia: "In difesa o giocherà Benatia oppure Rugani". Anche per lui chiusura sul futuro e sulla sua presenza in azzurro tra 15 giorni: "Non ho molto da aggiungere, tra qualche giorno mi rincontrerò con il presidente. Dovremo essere bravi nelle ripartenze". Mi son messo insieme ai giocatori, ora proveremo a vincere la Coppa e poi il campionato. La fortuna di un allenatore è avere una grande società e un gruppo di grandi uomini. "Io ho sempre vissuto con grande orgoglio e dignità, la Nazionale è un pensiero che valuterò". Mi hanno dato e insegnato tanto, io ho dato apporto normale.

FUTURO - "I successi prima di tutto bisogna provare a portarli a casa, domani è il primo e domenica il secondo". L'ad Marotta lo vede ancora sulla panchina bianconera, forte del contratto fino al 2020. La società ha sempre lavorato benissimo, abbiamo ribaltato la squadra in quattro anni, sempre scelti giocatori dai grandi valori morali che aiutano una squadra a vincere. "A fine anno ci metteremo a un tavolino e programmeremo il futuro come ogni anno, e questo va fatto con lucidità". Domani c'è la partita. "Ci saranno spazi e lui in queste situazioni è molto bravo".