Maratona Londra, italiano batte l'oro olimpico con un "trucchetto": smascherato dal Times

Regolare Commento Stampare

Tra di loro anche un 59enne pugliese che era giunto sul traguardo londinese con un ottimo 3h19'. Il Times ha messo alla gogna in un articolo il gruppetto dei "furbetti" con il titolo: "I corridori che hanno battuto Mo Farah alla Maratona di Londra hanno preso una scorciatoia per il successo". L'ha scoperto il Times, il prestigioso quotidiano che ha smascherato Sabino Rinaldi, assurto agli onori delle cronache per aver vinto la Maratona di Londra.

"Nel dettaglio l'atleta italiano in questione, di cui omettiamo volutamente il nome per non alimentare ulteriori polemiche, è transitato al 10mo chilometro in 56'15", ai 20km in 2h03' ed alla mezza in 2h15'. Insomma dovrebbe essere esemplare nei suoi comportamenti e invece ha fatto il furbo prendendo una scorciatoia che gli ha fatto risparmiare circa 16 chilometri sui 42 previsti dalla Maratona. Quello che è venuto fuori è che, mentre la prima parte della corsa non ha fatto emergere particolari anomalie, la seconda parte ha fatto scattare l'allarme: Rinaldi infatti nel primo tratto ha percorso i primi 20 chilometri in 2 ore e un quarto, mentre gli altri 20 chilometri li ha fatti in un'ora e 4 minuti.

Troppo, per non destare sospetti. Rinaldi era l'unico italiano coinvolto nella vicenda, ma non è stato l'unico a prendere la scorciatoia. "Ero lì solo per divertimento e non avevo guardato comunque l'orologio", la scusate del runner italiano.