Maranello. Trimestre positivo per Ferrari, utile netto +19,4%

Regolare Commento Stampare

"Le performance dei modelli V8 - aggiunge la casa di Maranello - sono state sostenute dalla famiglia 488 e dalla Gtc4Lusso T, mentre sono state in parte compensate dalla California T, giunta a fine produzione".

Roma, 3 mag. - Nel primo trimestre, spiega la Ferrari, i ricavi netti sono stati di 831 milioni, in aumento dell'1,3% (a cambi costanti +6,3%), mentre le consegne sono state pari a 2.128 macchine (+6,2%). L'Ebitda è stato di 272 milioni (+13%), con un margine che si colloca al 32,8%, e l'Ebit è stato di 210 milioni (+19%), "con un incremento del margine di 370 punti base al 25,3%".

"Il 2018 inizia con un altro trimestre da record". Ricavi netti superiori a 3,4 miliardi Adjusted EBITDA: maggiore o uguale a 1,1 miliardi, indebitamento industriale netto superiore a 400 milioni, inclusa una distribuzione dei dividendi ai possessori di azioni proprie ed esclusi potenziali riacquisti di azioni. La società ha terminato lo scorso trimestre con un utile netto di 1,12 milioni di euro, rispetto agli 828mila euro contabilizzati nei primi tre mesi del 2017. Le vetture consegnate dal Cavallino hanno raggiunto le 2.128 unita', con un incremento di 125 unita' o del 6,2% rispetto all'anno precedente. L'Europa e il Medio Oriente hanno registrato un aumento di quasi il 6,7%: Italia, Francia e Regno Unito hanno messo a segno una crescita a due cifre, mentre la Germania ha registrato un incremento medio a una cifra. Al 31 marzo 2018 l'indebitamento industriale netto è stato ridotto a 413 milioni, rispetto ai 473 milioni del 31 dicembre 2017.