Pd, il documento dei renziani: "Niente conte in Direzione"

Regolare Commento Stampare

No alle "conte interne" alla Direzione nazionale: lo "stallo" politico è "frutto dell'irresponsabilità" del Movimento 5 Stelle e del Centrodestra; al confronto ma niente fiducia "a un governo guidato da Salvini o Di Maio".

Una pagina web dove vengono elencati i nomi di deputati e senatori del Pd, divisi in favorevoli e contrari al dialogo con il Movimento 5 Stelle: "Nel Partito Democratico siamo alle liste di proscrizione", denuncia l'area del segretario reggente Maurizio Martina. A poche ore dalla Direzione del Partito Democratico che avrebbe dovuto decidere l'eventuale apertura a una trattativa di governo con M5S, poi morta sul nascere dopo il "diktat" di Matteo Renzi ospite da Fabio Fazio, le polemiche non si smorzano, anzi aumentano. Siamo arrivati a questo? "Quando in una comunità politica alla vigilia di una discussione seria che riguarda il partito e il Paese si arriva a questo, c'e' qualcosa di profondo che non va", scrive su Twitter Dario Franceschini.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. "C'è un limite che non andrebbe mai valicato". Ma trovo aberrante il sito www.senzadime.it, nel quale si dà il bollino di infamia a compagni di partito che hanno espresso un'idea diversa. "Ci chiamiamo partito 'democratico' e la demonizzazione delle idee è la cosa più contraria a ciò che siamo". E Alessia Morani: "Non credo che queste iniziative facciano bene al Pd. Quelle lasciamole ai grillini". L'iniziativa è partita da Lorenzo Guerini con lo scopo di ottenere una "pacificazione" tra i dem. Nel documento si legge: "Siamo parlamentari eletti con il Pd e membri della Direzione, proveniamo da storie e percorsi diversi". Come testimonia anche il deputato dem Roberto Giachetti, che ad Agorà ha detto: "Il Pd non è monolitico, può essere che Renzi non abbia la maggioranza in direzione". Non intendeva dividere il Partito, ma informare gli elettori.