Facebook, arriva servizio per incontri di coppia

Regolare Commento Stampare

Il numero uno di Facebook ha spiegato che la nuova funzione "è destinata a costruire relazioni autentiche e durevoli, non di una serata".

Ma, come detto, il social dating è solo una delle novità annunciate da Mark Zuckerberg, il quale ovviamente si è molto concentrato sulla questione spinosa della privacy dopo gli ultimi scandali. Ma che lo faccia anche Facebook è comunque una svolta. Ad annunciarlo il patron Mark Zuckerberg, che ha aperto la conferenza annuale degli sviluppatori di software a San Jose, California, ribadendo il suo impegno per proteggere i dati privati degli utenti dopo lo scandalo di Cambridge Analytica.

Facebook e Google, da "bacchettate" a favorite - E' il Wall Street Journal a rivelare come le pesanti restrizioni sull'utilizzo dei dati personali dei consumatori previste dal nuovo regolamento potrebbero finire, paradosso non da poco, per rafforzare il duopolio di Google e Facebook nel mercato della pubblicità online. E perché non iniziare dalle coppie?

Dal consorzio si spiega che "Nielsen, fornitore di Audiweb, invierà a Facebook esclusivamente codici criptati che corrispondono semplicemente a dei contenuti e, quindi, non rappresentano dati sensibili relativi agli editori né, tanto meno, di utenti che in alcun modo saranno profilati su Facebook attraverso la nuova ricerca". Per questo motivo nasce Dating che nelle intenzioni di Zuckerberg si pone l'obiettivo di aiutare a creare relazioni serie, non avventure di una notte.

Solo che adesso non sarà più stalking, ma sarà autorizzato da una app che con un pulsante cambierà la nostra vita sentimentale.

Nonostante la grande popolarità di Messenger, gli utenti lamentano da tempo problemi dovuti al consumo eccessivo di memoria ram (dovuti sopratutto alle funzionalità interne dell'app come filtri, storie, consigli eccetera), e dal fatto che quest'applicazione consuma veramente troppa batteria e diminuisce drasticamente l'autonomia degli smartphone.

I potenziali partner verranno 'suggeriti' dal sistema in base agli interessi e agli amici che abbiamo in comune. Un passo in questa direzione era già stato compiuto con Discover People: una sorta di agevolatore di amicizie presentato agli inizi dello scorso anno. WhatsApp è stata venduta a Facebook nel 2014 per oltre 19 miliardi di dollari e all'epoca vantava 500 milioni di utenti contro gli attuali 1,5 miliardi attivi mensilmente. Il nuovo strumento dovrebbe essere a disposizione di tutti entro fine anno.