Dazi: Trump posticipa a 1 giugno decisione su Ue e altri alleati

Regolare Commento Stampare

Il presidente USA, Donald Trump deve ancora decidere se rendere permanente questa sospensione. "E ha definito", si legge in una nota della Casa Bianca, "intese di principio con Argentina, Australia e Brasile, i cui dettagli saranno finalizzati a breve". In sostanza ha ricordato alla cancelliera tedesca che, primo, la Germania non può dipendere sull'energia solo dalla Russia, ma deve diversificare le sue fonti; secondo, la Germania non può dipendere solo dagli Stati Uniti per le spese legate alla difesa, ma deve contribuire con più risorse; terzo, non può scaricare i suoi surplus commerciali solo sugli Usa. Ma non penso che la Ue sia così ingenua da cadere nella trappola. L'alternativa è uscire dall'Unione, ma non penso che ci sia alcun Paese così ansioso di "suicidarsi" come ha fatto il Regno Unito.

L'Italia ha sperimentato negli ultimi anni un boom di export, dovuto alla competitività crescente delle proprie imprese, allo sforzo positivo degli ultimi governi in termini di servizi, a politiche orientate all'internazionalizzazione delle imprese e a un quadro positivo di regole e accordi commerciali stipulati e garantiti dalla Unione europea. L'estensione delle trattative riguarda non solo l'Ue ma anche il Canada e il Messico, con i quali gli Stati Uniti sono impegnati a rivedere l'accordo di libero scambio del Nafta.

Trapela ottimismo anche dal nuovo Segretario di Stato americano Mike Pompeo il quale ha rivelato in un'intervista all'Abc che il leader nordcoreano è disposto a presentare un piano per la denuclearizzazione.

Donald Trump ha deciso di concedere all'Europa altri 30 giorni per trattare sui dazi d'importazione.

Secondo l'opinione di alcune testate americane, però, le voci attorno a Kelly avrebbero disturbato il presidente e riportato a galla qualche ruggine risalente ad alcuni mesi fa, quando i rapporti fra i due arrivarono quasi al punto di rottura per la vicenda che aveva visto coinvolto Rob Porter (il vice di Kelly) che, secondo Trump, era stata gestita male dal responsabile del personale tanto che, a più riprese, si era pensato a un allontanamento. Infine, ha applicato tariffe del 25% ad altri 8 prodotti che oggi Pechino importa dall'America, tra cui carne di maiale e alluminio riciclato.

Questi dazi che tipo di impatto potranno avere, nell'immediato, sull'export italiano?