Roma-Chievo 4-1, i giallorossi stendono gli ospiti e restano al terzo posto

Regolare Commento Stampare

All'88' Inglese di testa segna il gol della bandiera. Oggi è la dimostrazione che la squadra c'è e che può alzare ancora più il ritmo, contro la loro fisicità e la loro corsa. Anche perché sono 3 punte autentiche, con Schick ed El Shaarawy subito dietro a Dzeko e mai troppo larghi. Maran si copre all'Olimpico, difesa a cinque e solo due punte davanti: Pellissier e Bastien. Brivido per i padroni di casa dopo cinque minuti con Inglese che lavora un bel pallone per Castro: tiro di destro e incrocio dei pali scheggiato.

Passano 100 secondi e Fazio, di testa, colpisce un palo. E già al 15' si era visto annullare una rete di tacco per un fuorigioco millimetrico che non è sfuggito a Calvarese e alla VAR. Dzeko calcia al volo sul calcio di punizione battuto teso da Pellegrini, la palla del numero 9 finisce alta di pochissimo. Alla raffica, prima dell'intervallo, partecipa pure Dzeko che, in acrobazia sulla pennellata di Kolarov, timbra il raddoppio e premia lo sforzo di gruppo.

Succede di tutto nel primo tempo di Inter - Juve, ma d'altronde non ci si aspettava niente di diverso dal derby d'Italia.

SECONDO TEMPO La ripresa comincia con Gamberini in campo al posto di Bani.

Con Totti feeling sempre più importante. Jesus per poco non si fa autogol, concede solo l'angolo e si salva.

Il Chievo avrebbe l'opportunità di tornare in partita, Juan Jesus strattona in area Inglese e l'arbitro assegna il rigore ed espelle il difensore brasiliano: dal dischetto, comunque, Alisson è bravissimo e ipnotizza lo stesso attaccante ospite. Il turnover di Di Francesco è calibrato, per non smarrire l'identità: confermata per sette-undicesimi la formazione di Anfield.

67' DZEKO 4-0 - Palla di Nainggolan per Dzeko, il bomber bosniaco prende la mira e con gran sinistro dal limite fulmina Sorrentino. Il tecnico ne approfitta per far rifiatare Pellegrini e Dzeko, dentro Gonalons e Gerson. Nel finale gioia personale per Inglese che firma il gol 4 a 1. Intanto, la aiuta a tenere le distanze sulle antagoniste del campionato. La Roma vince e ora sogna l'impresa contro il Liverpool.