L'Inps offre 967 posti di lavoro in tutta Italia

Regolare Commento Stampare

2018, 30 milioni per il 2019 e 50 milioni annui a decorrere dal 2020.

È arrivato il concorso pubblico Inps.

Un concorso pubblico per quasi mille posti di lavoro all'Istituto nazionale di previdenza sociale. Saranno 967 le posizioni aperte, stavolta destinate alla qualifica di "consulente protezione sociale", ruolo di personale area C, posizione economica C1. La domanda, debitamente compilata, deve essere presentata utilizzando il servizio on line entro e non oltre le ore 16 del 28 maggio 2018.

Sede, ora e luogo delle prove e dell'eventuale preselezione saranno comunicati mediante pubblicazione sul sito dell'Inps, nella sezione "Avvisi, bandi e fatturazione", alla voce "Concorsi" e sulla Gazzetta Ufficiale - IV Serie speciale "Concorsi ed esami" del 5 giugno 2018, pubblicazione che avverrà almeno 15 giorni prima del loro svolgimento.

Il concorso Inps consiste in due prove scritte e a seguire una orale. I test saranno a carattere psicoattitudinale e logico, ma spazieranno anche in competenze di lingua inglese, competenze informatiche e cultura generale.

Si tratta di una "figura strutturalmente inserita nei processi produttivi", che svolge "funzione di produzione e consulenza", così come segnala il sito della Funzione pubblica della CGIL (clicca qui per ulteriori dettagli).

Inoltre sono ammesse le seguenti lauree: statistica per la ricerca sperimentale (92/S), scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83), servizio sociale e politiche sociali (LM-87); poi programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (57/S), sociologia e ricerca sociale (LM-88), sociologia (89/S), metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali (49/S), studi europei (LM-90 o 99/S); infine giurisprudenza (LMG-01 o 22/S), teoria e tecniche della normazione e dell'informazione giuridica (102/S) ovvero diploma di laurea (DL) secondo il "vecchio ordinamento" corrispondente ad una delle predette lauree magistrali ai sensi del decreto 9 luglio 2009 del Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca.