Inter, Antonello: ''Meritiamo rispetto, viste cose inaccettabili''

Regolare Commento Stampare

L'Inter aveva vietato ai suoi tesserati, nell'immediato post gara della partita di sabato, di rilasciare dichiarazioni ai microfoni. Poca diplomazia, il dg nerazzurro Antonello è fuoriso per l'arbitraggio di Orsato e per la "disparità di trattamento". "Non è stato uno spot positivo per il calcio italiano, anzi forse è stata una eurofiguraccia". "Abbiamo rivisto tutti gli episodi e non riusciamo a spiegarci come mai siano stati usati due pesi e due misure". Nel mondo del calcio molte cose stanno cambiando ma sembra che alcune di queste rimangano invariate. Infine l'a.d. della squadra milanese ha volute spendere qualche parola sulla prestazione dei nerazzurri: "Siamo orgogliosi della prestazione dei nostri ragazzi, che hanno messo passione e anima in questa prestazione seppure si siano trovati in inferiorità numerica".

In casa Inter, la rabbia, non è ancora sbollita. Nel mirino, ovviamente, la direzione dell'arbitro Orsato: "Sono successe cose inaccettabili e siamo arrabbiatissimi. Il club merita rispetto e lo meritano anche i nostri tifosi" tuona l'ad dell'Inter, Alessandro Antonello a Inter Tv. Non accadrà, i ragazzi lo hanno dimostrato sul campo, ci attendiamo una pronta reazione e l'obiettivo rimane immutato, lo dimostreremo anche contro l'Udinese. Sono dei grandi professionisti. Vorrei precisare che sia io sia tutto il management siamo sempre stati vicini alla squadra, durante tutto l'arco della stagione. "Forse qualcuno vuol far passare un messaggio diverso ma posso garantire che siamo tutti uniti e concentrati affinché si possa raggiungere l'obiettivo stagionale, ovvero la Champions League". "Ma vogliamo vincere la nostra guerra sportiva, per noi e per i nostri tifosi" ha spiegato Antonello. "Il nostro pubblico poi è stato eccezionale, ci ha sostenuto dall'inizio alla fine".

Intanto la Procura della Figc ha chiesto di poter visionare i video con protagonisti Allegri e Tagliavento e quello in cui viene ripreso, nel finale di partita, il labiale di Tagliavento.