Formula 1, fiera degli orrori a Baku: Hamilton trionfa, Vettel quarto

Regolare Commento Stampare

Davanti Vettel mantiene la testa, inseguito dalla due Mercedes e dalle due Red Bull. Al giro 17, Vettel precede Hamilton, Bottas, Sainz, Verstappen, Ricciardo, Raikkonen, Leclerc, Stroll e Perez. Hulkenberg strappa la settima piazza a Gasly, poi, i due compagni di squadra scartano in coppia rispettivamente Verstappen e Ricciardo.

Ecco quindi come si evolve la classifica dopo questo pazzo GP Azerbaijan: Hamilton passa al comando della classifica piloti con 70 punti, mentre Vettel si ferma a 66. A quattro giri dalla fine Vettel tenta di passare Bottas, ci riesce ma finisce lungo complice le gomme fredde ed è infilato un po' da tutti.

GIRO 6/51 - Sebastian Vettel riparte alla grande e mantiene la testa della corsa. E dire che fino alla doppia safety car il Gp era abbastanza tranquillo con Vettel tranquillamente al comando e pronto a ribattere gli attacchi di Bottas. Tutto ciò ha portato la safety car in pista e Bottas ne ha approfittato per montare le UltraSoft restando al comando.

In conferenza stampa il ferrarista Vettel ha manifestato la sua soddisfazione per aver centrato la terza pole stagionale: "Sentivo che la macchina era veloce e potevo mettere insieme un buon giro". A tre giri dalla fine rientra: la partita è ancora tutta da giocare. Nelle retrovie un'altra collisione portata fuori gara Sirotkin e costringeva la direzione gara a far entrare la safety car.

Lewis Hamilton su Mercedes ha vinto il Gran Premio di Formula 1 di Azerbaigian, sul circuito di Baku. E' mancato il meteorite a Baku, poi si è visto di tutto in una gara pazzesca e incerta fino agli ultimi metri. Il rettilineo dei box è lungo 2,2 km, il doppio di quello di Monza, tanto per averne un'idea più precisa.

Proprio a due giri dalla fine la fortuna gira le spalle a Valtteri Bottas. L'ennesima manovra da codice rosso di Max costa un doppio ritiro in casa Red Bull, dove avranno il loro bel daffare per dirimere una situazione di estrema tensione. Kimi, in regime di Safety Car, è costretto a rientrare nei box per cambiare il musetto. Vince Hamilton davanti a Raikkonen e Perez con i due protagonisti della settimana, Vettel e Bottas che si leccano le ferite per un gran premio assurdo.