Scontri Liverpool, chi sono i due ultrà romanisti fermati

Regolare Commento Stampare

Filippo Lombardi e Daniele Sciusco sono stati individuati dalla Digos con l'ausilio dei filmati inglesi come i due responsabili degli incidenti. I due ultrà romanisti sono stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio in relazione al ferimento del tifoso del Liverpool, ora in coma. Padre di tre figli, secondo i parenti interpellati dai media britannici, la moglie si starebbe interrogando "se sia o meno il caso di lasciarlo andare". Stiamo anche indagando su alcuni tifosi trovati in possesso di razzi che si erano radunati per salutare l'arrivo del Liverpool allo stadio ne erano in possesso. Si tratta di una quarantina di persone, che dopo essere state riprese con video e identificate, sono state comunque fatte entrare nello stadio. È questo il senso di una nota della federazione europea che definisce "vile" l'attacco avvenuto prima della semifinale di Champions. Gli sarà offerto da parte nostra totale supporto. Era arrivato in compagnia del fratello dall'Irlanda per assistere alla partita.

La nota prosegue con le dichiarazioni di Dave Charnock, sovrintendente capo della polizia del Mersey: "La stragrande maggioranza dei 52.500 tifosi presenti al gioco si è comportata bene e ha assistito a una bella partita di calcio. Tuttavia, una minoranza di tifosi di Liverpool e Roma è stata coinvolta in sacche isolate di disordine in centro città e vicino allo stadio". Forse le stesse che a febbraio avevano organizzato gli scontri con i tifosi del Verona che portarono a 21 romanisti arrestati. "I nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolti al tifoso del Liverpool ricoverato in ospedale e alla sua famiglia". A farne le spese è stato un anziano tifoso dei Reds, accoltellato davanti all'Albert Pub, ritrovo dei tifosi del Liverpool. "La UEFA è in attesa di ricevere i rapporti completi prima di decidere sulle potenziali accuse disciplinari". Il day-after della semifinale d'andata di Champions League è a tinte fosche, con un bilancio degli scontri gravissimo. Il piano sicurezza, secondo quanto si apprende, verrà messo a punto nei prossimi giorni durante un tavolo tecnico in Questura. L'allarme per la gara di ritorno, il 2 maggio prossimo, allo stadio Olimpico, è già altissimo.