Xiaomi Mi 6X svelato in via ufficiale

Regolare Commento Stampare

Alimentato da un processore Snapdragon 660 Qualcomm con 4 o 6 GB di RAM LPDDR4X e 64 o 128 GB di memoria interna eMMC 5.1. Il costo dello Xiaomi Mi 6X si aggirerà intorno ai 210 euro per il modello base dotato di 4 GB di RAM e 64 GB di storage. Un tablet con uno schermo 18:9 sembra effettivamente poco sensato, ma il valore è comunque impostato a "true".

Nel Mi 6X si trova l'assistente vocale di Xiaomi, si chiama Xiao Ai, che è in grado di comprendere centinaia di comandi in sei diverse categorie.

Quest'ultima, inframmezzata dal Flash LED, è formata da un sensore Sony IMX486 da 12 Megapixel (focale a f/1.75, pixel grandi 1.25 micron) e dallo stesso sensore Sony IMX376 (20 Megapixel) visto anche davanti: il risultato si esplica in ottimi effetti Bokeh (possibili anche nei selfie, in 12 modalità) e - grazie all'intelligenza artificiale - nel riconoscimento dei soggetti inquadrati ed in quello delle (206) scene supportate (con conseguenti setting automatici). Anche senza un sensore secondario per la raccolta di informazioni sulla profondità, questa tecnologia consente alla fotocamera di distinguere il soggetto dallo sfondo, anche identificando correttamente elementi come accessori per capelli (come un cappello) e gesti delle mani popolari come parte del soggetto.

Xiaomi Mi 6X esegue Android Oreo 8.1 con MIUI 9.5 out of the box e supporta Project Treble per ricevere aggiornamenti rapidi. Parliamo ovviamente di Xiaomi Mi A1, un dispositivo che è stato eletto best-buy del 2017, e che punta a riconfermarsi nel 2018 nonostante l'imminente presentazione di Mi 6X - che in Occidente sarà commercializzato come Mi A2.

Anche se non ci sono certezze assolute che si tratti proprio del firmware del nuovo tablet, alcuni indizi fanno pensare alla possibilità che non si tratti del software di uno smartphone.