Voto di scambio, in manette il deputato dell'Ars Pippo Gennuso

Regolare Commento Stampare

Il consigliere regionale siciliano Giuseppe Gennuso è stato arrestato lunedì sera con l'accusa di voto di scambio, aggravata dal metodo mafioso. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal Gip del Tribunale di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia etnea. Giamblanco intorno alle 23 ha lasciato il comando provinciale di Siracusa per essere trasferito nel carcere di Cavadonna, mentre Rubino è stato accompagnato nella sua abitazione ai domiciliari.

Arrestato il deputato regionale Giuseppe Gennuso. Pippo Gennuso dovrà essere interrogato nei prossimi 5 giorni. Nei giorni scorsi era stata chiesta l'archiviazione di un caso di tentata estorsione, che coinvolgeva quattro persone, ma il deputato figurava come parte lesa. Non è il primo deputato dell'Assemblea siciliana a finire sotto inchiesta da parte di una delle Procure siciliane con l'ipotesi di probabili reati elettorali. Si tratta di Giuseppe Gennuso, 65 anni, della lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti.

È quanto sostengono gli ispettori dell'assessorato regionale alla Salute nella relazione inviata al commissario dell'Asp di Siracusa, Salvatore Brugaletta, e all'assessore regionale Ruggero Razza.