Miracolo di Donnarumma su Milik, Bonucci in tribuna reagisce così

Regolare Commento Stampare

"Sono molto contento per la Roma e mi dispiace per la Juventus perché fare tre gol al Bernabeu non è da tutti. Poi c'è stato quell'episodio dubbio nel finale, il calcio è fatto di episodi che possono capitare, ma fossi stato in campo io forse non avrei saputo tenere a freno i miei istinti".

"Rispetto al girone di andata abbiamo fatto grossi miglioramenti, tanto che stiamo facendo un grande girone di ritorno, cosa che francamente non mi aspettavo".

Interrogato sulla prestazione di Gianluigi Donnarumma, il capitano del Milan ha risposto: "Per noi era importante un punto ieri e ho esultato alla parata di Gigio come se avesse fatto un gol, perché di fatto è valsa come un gol". Vuol dire che siamo diventati più squadra per fare il definitivo salto di qualità. Deve stare però sereno e libero dalle pressioni: solo così può crescere. "E' merito di Gattuso che ci ha inculcato questo modo di difendere e di cercare trame di gioco che ci hanno permesso di essere terzi nel girone di ritorno". La difesa il nostro segreto? Più stupito dalla rovesciata di Ronaldo o dalla parata di Donnarumma? Come dico sempre la difesa non è composta solo dai 4 difensori, bisogna parlare di fase difensiva. In primis il Toro rappresenta per Bonucci il rivale cittadino di una vita, visto che il capitano rossonero ha giocato ben sette stagioni nel capoluogo piemontese come leader della Juventus e dunque ha vissuto moltissime stracittadine contro i granata, per lo più vinte dalla favoritissima compagine bianconera. Ho sempre cercato di essere me stesso. Ho sbagliato, ho fatto altre cose buone, ma - ha concluso Bonucci - credo di aver portato esperienza a un gruppo giovane. "Sono contento di essere il capitano di questa squadra". "Contro il Torino abbiamo l'obbligo di vincere".