Governo, Salvini chiude ad una possibile intesa con il PD

Regolare Commento Stampare

"Io sono pronto a governare già da domani", ha dichiarato ancora Salvini al Tg2 commentando le parole di Silvio Berlusconi secondo cui servirebbe un governo autorevole nella pienezza dei poteri.

-Nota della Lega Umbria- "Se oggi in via Madonna del Moro sorge la seconda moschea più grande di Italia, con tutte le problematiche che ne derivano - spiegano il candidato a sindaco Lega, Luca Carizia, il deputato Riccardo Augusto Marchetti e il consigliere regionale Valerio Mancini - la responsabilità è solo del Pd che ha svenduto la sicurezza cittadina per un mero bacino di voti". Come nel caso della proposta del ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, di un governissimo che coinvolga tutti. "Un governo con chi ha approvato la Fornero o vuole gli immigrati che cosa potrebbe fare?".

"Leggo di ammucchiate - ha aggiunto il leader della Lega - di governo di tutti che a noi non va bene. Quello che Di Maio giudica un danno, il centrodestra unito è quello che gli elettori hanno premiato col voto il 4 marzo: chiedo al Movimento 5 stelle di avere rispetto per gli elettori" ha poi concluso. "Come io dico che non esistono partiti pericolosi o elettori pericolosi chiedo che tutti gli altri facciano lo stesso", aggiunge.

"Ogni voto conta: noi pensiamo che da queste regionali possa venire un segnale nazionale di chiarezza e di cambiamento".

Tornando alle grandi manovre, la proposta di Calenda è stata bocciata anche da alcuni esponenti del Pd. La presa di posizione della candidata a sindaco del Pd di Umbertide ci sembra, quindi, quanto mai tardiva e poco credibile: ci chiediamo dove era la signora Avorio quando la Lega raccoglieva firme per dire NO alla moschea e perché non abbia sottoscritto i nostri moduli. "Difficile capire su quali basi un simile accordo potrebbe reggersi".

E anche la ministra della Difesa Roberta Pinotti si dissocia dal collega: "No al Pd sull'Aventino, ma è presto per un governo di transizione", afferma a Circo Massimo su Radio Capital.