San Giovanni Teatino: Polizia Municipale, pattugliamento in bicicletta

Regolare Commento Stampare

Ha iniziato infattia a salire e scendere dagli autobus all'ora di punta per molestare studentesse, anche minorenni. Dai primi riscontri è emerso che non si trattava di certo di un caso isolato: in poco tempo gli agenti sono riusciti a raccogliere le testimonianze di altre donna, tratteggiando un quadro preoccupante di violenze sessuali perpetrate dallo stesso uomo.

Sono bastati pochi secondi a Giano2, sistema informatico della Polizia municipale per i controlli su strada, per scoprire una Daewoo senza revisione e assicurazione parcheggiata in strada a Verona e, da lì, risalire alla proprietaria, una presunta prestanome, titolare di ben 118 veicoli operativi e circolanti in Italia.

Tutto ha preso il via oltre un mese fa, quando una giovanissima vittima ha trovato il coraggio di raccontare in famiglia e poi a un'operatrice dell'Npt, il Nucleo problematiche del territorio della Municipale, quanto le era accaduto sull'autobus.

Grazie ad appostamenti sui bus e all'ausilio delle telecamere sui mezzi, gli agenti hanno ricostruito le modalità con cui operava. Per il momento sono quattro le donne che hanno già sporto denuncia nei suoi confronti.

A nome personale e dell'amministrazione comunale, il sindaco di Cervia Luca Coffari esprime un plauso a Andrea Giacomini, comandante della polizia municipale di Ravenna "che fuori servizio è intervenuto per difendere un anziano avvicinato con modi rudi da un questuante davanti alla nuova Coop di Cervia". Il molestatore residente a Bologna ha una lunga serie di precedenti penali che vanno dalla resistenza a pubblico ufficiale, allo spaccio di stupefacenti, lesioni, rissa e maltrattamenti in famiglia. Da alcuni giorni gli agenti di polizia locale del Comune di San Giovanni Teatino hanno attivato turni in bicicletta per le strade della città.