Mazzarri: "Quest'anno è una verifica continua! Quando allenavo il Napoli, mi sorprendeva..."

Regolare Commento Stampare

Il successo sull'Inter ha riaperto uno spiraglio verso l'Europa ma per il Torino è d'obbligo fare il pieno anche domani a Verona.

Sulla partita: "Se vogliamo fare il salto di qualità serve vedere nel Chievo una squadra di alta classifica". Per parlare di qualsiasi cosa, bisogna fare una grande prestazione contro il Chievo.

Walter Mazzarri avvisa i suoi giocatori sulle insidie della prossima sfida di campionato: "A Verona abbiamo già perso contro l'Hellas: il Chievo è una squadra molto pericolosa, fino a un minuto dalla fine stava battendo il Napoli - ricorda il timoniere granata -. O come ieri alla Lazio, che sembrava ormai qualificata". "Adem Ljajic ha avuto un problemino, decideremo domani il da farsi" chiosa Mazzarri, che al posto del serbo, decisivo contro l'Inter domenica, potrebbe schierare uno tra Baselli ed Edera.

Ljajic ha avuto un risentimento muscolare e domani lo valuterò. "Lyanco invece temo che non possa tornare a giocare in questa stagione". "Inoltre in questo momento non siamo nemmeno in molti, difficile fare delle rotazioni". "Voglio più dati per poter dire come stiamo". Tra infortuni e turnover, Walter Mazzarri deve sciogliere ancora alcuni dubbi: "Quando avrò una rosa che mi conosce bene e che conosco meglio, magari in futuro si potrà pensare a delle rotazioni, ma per ora non credo".

"Per non cambiare troppo i circuiti, metterlo nella posizione di Ljajic mi sembra un po' prematuro". In più questa settimana non ho grandi possibilità di fare rotazioni.