Fca, Elkann (Exor) assicura: già nel gruppo il successore di Marchionne

Regolare Commento Stampare

"Stiamo lavorando intensamente con il consiglio di amministrazione per far sì che questa transizione abbia successo e che il duro lavoro fatto negli ultimi quindici anni prosegua con lo stesso livello di eccellenza".

Fca, Elkann parla di Exor e successione a Marchionne, il quale ricorda che nel 2018 sono stati rispettati i target e che si potrebbe tornare a staccare il dividendo 13 aprile 2018 - agg.

Nel possibile toto nomi troviamo Alfredo Altavilla, responsabile EMEA del Gruppo, il numero uno di Magneti Marelli, Pietro Gorlier, l'uomo dell'alta finanza Richard Palmer e il CEO di Jeep Mike Manley. Se saranno raggiunti, nel 2019 Sergio potrà lasciare al suo successore una società con 4 miliardi di cassa, 125 miliardi di dollari di ricavi e 5 miliardi di dollari di utili netti adjusted. Dovrebbe quindi realizzarsi un processo simile a quello di Cnh Industrial, ma solamente a giugno, in occasione della presentazione del nuovo piano industriale, saranno forniti maggiori dettagli.

Il gruppo automobilistico è uno dei cuori pulsanti dell'impero Exor, che pure spazia dalle macchine industriali di Cnh alla riassicurazione con ParterRe, dal calcio con la Juventus al lusso con Ferrari, al giornalismo con la quota in Gedi (La Stampa-Il Secondo XIX - Repubblica) e nell'Economist: "Il 2017 è stato il nostro miglior anno, escluso il 2009, da quando Exor è stata costituita", scrive Elkann nella lettera ai soci. "Il valore netto degli attivi per azione di EXOR espresso in dollari (o NAV per azione) è cresciuto del 56,9%, battendo di 36,8 punti percentuali il nostro indice di riferimento, l'MSCI World in dollari". Da allora lo abbiamo ridotto di circa il 25% a cambi costanti. "Siamo un costruttore di auto degno di rispetto".

"Il merito della fortissima performance del 2017 appartiene tutto a Fca e in particolare alla guida di Sergio: ha la capacità, che io ammiro molto, di guardare in faccia alla realtà e di essere determinante nel mettere in atto le decisioni che riflettono questa realtà".

Forti dei risultati conseguiti si guarda anche al futuro, cioè al successore di Marchionne.

Dopo l'analisi dei vari investimenti, Elkann è passato alla Juventus: "Infine, ma non per importanza, vorrei parlare della Juventus, che ha vissuto l'anno più significativo della sua storia: conquistando il sesto scudetto consecutivo, ha superato la più grande Juventus di tutti i tempi, che nel quinquennio degli anni 30 ne vinse cinque di seguito - le parole di Elkann -".