Terremoto di magnitudo 2,1 nella notte. Epicentro: costa del Gargano

Regolare Commento Stampare

Le Marche tremano ancora: una scossa di terremoto di magnitudo 4,6 della scala Richter - 4,7 secondo la prima rilevazione dell'Ingv - è stata registrata alle 5.11 nella zona di Muccia, Pieve Torina e Pievebovigliana, in provincia di Macerata. La rilevazione è dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Sui social network è partito il "Tam Tam" con foto e post al vetriolo che hanno denunciato i danni subiti all'interno delle abitazioni: mobili e pensili a terra, intonaco caduto, crepe, muri crollati. Colpite di nuovo le Marche, con epicentro a due chilometri da Muccia, comune di meno di mille anime in provincia di Macerata. Se si considera l'evoluzione temporale della sequenza sismica complessiva e l'energia rilasciata da tutti gli eventi sismici, si nota che negli ultimi mesi del 2017 sono stati localizzati una media di 30-40 eventi al giorno. Lo stesso dice il sindaco di Muccia, Mario Baroni: "Stiamo controllando sia le casette che le case rimaste agibili". Forte scossa, segnalata dall'Ingv, anche a Monterotondo Marittimo, nel Grossetano, pari a magnitudo 3.3 alle ore 6,41 ad una profondita' di 8 chilometri.

Il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, ha bloccato tutti gli accessi alla zona rossa, "tranne quelli delle ditte specializzate che stanno lavorando". Negli ultimi anni questo è diventato l'epicentro di terremoti distruttivi che sembravano essere passati ma nelle ultime settimane la paura è tornata.

Quella di questa mattina è la più forte, ma non l'unica scossa di questi giorni. E invece si scopre, alla prima prova blanda (un sisma di magnitudo 4.6 non è l'apocalisse) che tutto viene giù, scatenando rabbia, indignazione ma anche panico tra gli sfortunati "inquilini". Tuttavia i lavori devo andare avanti speditamente.

Ingv, possibile che sequenza duri ancora E' probabilmente destinata proseguire la sequenza che si è attivata il 24 agosto 2016 nell'Italia centrale e che oggi ha portato al terremoto di magnitudo 4,6 nelle Marche.

Trenitalia ha deciso di sospendere a scopo precauzionale la circolazione lungo la linea interna Civitanova Marche-Macerata per effettuare controlli sulla tenuta della strada ferrata.