Torino, primo trapianto in Italia di rene da donatore dializzato

Regolare Commento Stampare

Per la prima volta è stato eseguito un doppio trapianto di rene da paziente dializzato in Italia.

Il donatore, precedentemente deceduto presso un ospedale del capoluogo piemontese a causa di una patologia congenita, era stato sottoposto a lungo a dialisi a seguito di una compromissione renale. Il deterioramento generale non ha reso possibile il trapianto del fegato. Alle Molinette, nonostante la situazione in apparenza proibitiva, si è deciso di approfondire comunque la possibilità di utilizzo dei reni per il trapianto con approcci diversi: dalla biopsia renale alla valutazione della perfusione renale mettendo i reni, una volta prelevati, in un dispositivo di perfusione in grado di misurare una serie di parametri, di migliorare la circolazione dei reni stessi fino a rivitalizzarli.

Prova ne è l'eccezionale intervento che è stato effettuato non più tardi di due settimane fa all'ospedale Molinette [VIDEO]della Citta della Salute di Torino.

Alla biopsia risultavano dei segni di danno renale acuto significativo, ma potenzialmente regredibile e i parametri di perfusione davano un'iniziale difficoltà di circolazione poi migliorata dalla macchina, che è riuscita a rivitalizzarli e a rimetterli in condizione per un possibile trapianto. Il medico chirurgo non ha nascosto le paure per una tale operazione: "Concedere il via libera al trapianto del rene è stato un atto di grandissima responsabilità medica eso possibile solo grazie all'enorme esperienza delle figure professionali che operano nell'ospedale Molinette e che hanno collaborato al trapianto".

L'intervento è tecnicamente riuscito con successo e oggi la sessantenne può condurre una vita normale grazie alle particolari cure farmacologiche atte a favorire la completa ripresa dell'organo trapiantato. La coraggiosa operazione ha avuto successo: dopo 15 giorni di terapia intensiva la donna è stata dimessa dall'ospedale. "Abbiamo ragionato approfonditamente in tante persone quella notte e la strategia si è dimostrata vincente".