Choc a Napoli, studentessa si lancia da tetto università

Regolare Commento Stampare

Fatale l'impatto. La ragazza, una 26enne originaria di Sesto Campano, si era stabilita da tempo a Napoli.

Una tragedia che ha turbato il clima di festa per numerosi studenti universitari per molti dei quali oggi era fissata la discussione della tesi di laurea. Ma in realtà la studentessa non aveva completato gli esami. Poi ha scavalcato il muretto e si è lasciata cadere nel vuoto. Ora, ulteriori dettagli saranno chiariti dalle indagini.

"Alla luce di quanto avvenuto a Montesantagelo - scrive in un post su Facebook Confederazione Degli Studenti Napoli -, dove una nostra collega si è tolta la vita, crediamo sia giusto rinviare le elezioni studentesche". La polizia starebbe indagando per scoprire nuovi dati sull'evento.

Nonostante gli immediati soccorsi per la studentessa, che era una fuori sede, non c'è stato nulla fa fare. Nelle immediate vicinanze del luogo della tragedia si è subito formato un piccolo drappello di curiosi: due studentesse hanno iniziato ad urlare non appena hanno capito ciò che era successo.

Forse proprio la vergogna di dover raccontare a genitori e amici la verità sull'andamento del suo corso di studi, l'ha portata a compiere questo gesto estremo. Praticamente, è morta sul colpo, tant'è che l'arrivo delle ambulanze e dei mezzi e uomini del Suem 118 è stato del tutto inutile. "Era una ragazza solare - ha dichiarato Paolone - sempre sorridente, dolce e bellissima".

Il corpo di Giada dopo qualche ora viene trasferito all'Istituto di Medicina Legale di Napoli per l'autopsia. Speciale anche la sua famiglia, il padre, la madre e il fratello. Per tale ragione, domani all'Ateneo proclamata giornata di lutto.