MotoGP, Crutchlow vince il Gp d'Argentina: Marquez stende Rossi

Regolare Commento Stampare

"Ho proprio paura, non mi sento tutelato dalla race direction".

"Fortunatamente sto bene dopo la caduta, non mi sono fatto niente, almeno quello..." "E' una situazione molto pericolosa". C'e' da farsi male perche' non ha nessun tipo di rispetto per gli avversari: e' andato contro quattro-cinque avversari diversi.

Jorge viene poi incalzato sul fattaccio tra Marquez e Rossi. Ho preso dell'acqua, si è chiuso lo sterzo ed è successo quello che è successo.

"E' recidivo - prosegue Rossi - corre così con tutti". Ha tagliato la traiettoria da matto a Vinales, che e Vinales non si alzava cascavano entrambi.

LE QUOTE DEI FAVORITI - Come detto, gomme e meteo potrebbero rendere la vita dura ai piloti ma anche a noi quotisti che in queste condizioni anomale siamo sempre sul chi va là. Secondo me è questo il problema. "Marquez ti viene a chiedere scusa davanti le telecamere, ma non è sincero, perché poi rifà uguale - si sfoga il 'Dottore' -". L'ordine d'arrivo a Losail fu davvero di lusso: primo Andrea Dovizioso, secondo Marc Marquez e terzo Valentino Rossi, con le tre grandi Case Ducati, Honda e Yamaha dunque tutte rappresentate sul podio. "Quando è caduto mi sono subito scusato". Io le scuse non le accetto e spero che lui stia lontano da me. E per lui è stata una grandissima soddisfazione: "La verità è che non ho pensato molto". In gara, poi, ha fatto di tutto. Oggi, nel Gran Premio d'Argentina il campione del mondo della MotoGP ne ha combinate di tutti i colori.

Il comportamento del campione del mondo è stato stigmatizzato dai tifosi argentini che lo hanno fischiato a lungo a fine gara. Valentino Rossi è un fiume in piena quando gli viene chiesto di commentare l'incidente con cui Marc Marquez lo ha steso a tre giri dal termine del GP d'Argentina. Il problema non si pone per il poleman Miller, che ha già le gomme slick sulla sua D16 ma è costretto ad aspettare in griglia. Il quindicesimi posto dello spagnolo alle spalle di Morbidelli conferma infatti le difficoltà accusate dal maiorchino sul tracciato argentino, dove non ha mai trovato la giusta fiducia. "Quinto posto per Maverick Vinales a 14". Completano la top ten Tito Rabat del Team Avintia Racing, quindi Andrea Iannone su Suzuki, il malese Syahrin Hafizh su Yamaha davanti a Danilo Petrucci su Ducati del Team Pramac.

Cal Crutchlow conduce la classifica generale del mondiale con 3 lunghezze di vantaggio su Dovizioso e dieci su Zarco. Gli abbonati alla pay tv satellitare, inoltre, potranno seguire la corsa di questa settimana anche in streaming online con l'applicazione free Sky Go, che potete scaricare dal vostro tablet o cellulare. A partire dalla pole position sarà l'australiano Jack Miller, con Pedrosa e Zarco in prima fila. Perché sistematicamente cerca di andare addosso agli altri piloti. Ma accade ancora qualcosa. Un po' come si faceva con il compagno di scuola che aveva il motorino meno truccato. I colpi fra Miller, Rins, Zarco e Crutchlow sono tutto tranne che prevedibili.