Uova di Pasqua colorate: attenzione alla provenienza, ecco come farle in casa

Regolare Commento Stampare

È il numero di uova di cioccolato che finirà sulle tavole degli italiani in queste feste pasquali, a un prezzo medio che varia tra i 38 e i 40 euro al chilo, circa quindici euro a confezione. Questi i dati di un'indagine condotta dal centro studi Cna, in collaborazione con Cna agroalimentare, secondo la quale un terzo delle uova pasquali è di produzione artigianale e al vertice delle preferenze ci sono i prodotti 'from bean to bar' (letteralmente: dalla fava di cacao alla barretta).

Premiata la qualità Le uova di cioccolato artigianali sono le preferite da chi può permettersi di alzare un po' il budget: "per le occasioni speciali come la Pasqua la gente premia la qualità - aggiunge Marinoni, è attenta ai valori organolettici dei prodotti e ama sempre di più il cioccolato fondente, che per certi versi è anche il più salutare, anche se poi per i bambini quello al latte è un must". In costante crescita, ma ancora lontano dalla primatista Svizzera e dalla Germania dove la media pro capite sfiora invece i dieci chili. Rispetto al mercato internazionale l'Italia consuma più prodotti "premium", vale a dire di qualità/prezzo di fascia alta. Uova a parte, il prodotto preferito nel Belpaese resta la classica tavoletta o barretta: ogni anno ne vengono vendute circa 90 milioni di pezzi.

Un uovo di Pasqua assolutamente particolare.

Il merito della creazione delle uova al cioccolato vuote è oggetto di contendere.

Le prime uova di cioccolato francesi erano piene, dure da mangiare e ruvide. I torinesi, tuttavia, ritengono di essere loro gli inventori dell'uovo di cioccolato, pieno e vuoto: alcune fonti riportano che all'ombra della Mole Antonelliana, alcuni maestri cioccolatai torinesi della casa Sartorio, negli anni venti del Novecento, brevettarono un macchinario per modellare perfettamente i gusci di cioccolato. Cioccolato sì ma senza glutine o senza lattosio. "Abbiamo coinvolto la Gallucci Faibano - ha proseguito Simioli al Mattino - una delle ultime aziende campane di cioccolato artigianale, che ci ha regalato le uova, e il vizietto, la catena di sexy shop che va molto forte a Napoli perché permette di acquistare in anonimato attraverso distributori automatici, che ci ha regalato i condom". L'usanza di scambiarsi uova come regalo si perde tuttavia nella notte dei tempi. È inoltre bene controllare che eventuali altri grassi vegetali non siano presenti in percentuale superiore al 5%. Gli antichi romani usavano seppellire un uovo nei campi o nei riti propiziatori.