Sabatini lascia l'Inter: "Esperienza non esaltante". Ipotesi Branca-bis

Regolare Commento Stampare

L'amministratore delegato nerazzurro Alessandro Antonello ha commentato così la situazione ai microfoni di Premium Sport: "L'addio di Sabatini?".

"Suning Sports e Sabatini hanno raggiunto un accordo per la terminazione anticipata del contratto che li lega".

Walter Sabatini non sarà più il coordinatore tecnico di Suning e dell'Inter. Il solito comunicato, condito di ringraziamenti "per il lavoro svolto" e auguri "per le future esperienze", ha chiuso dopo meno di un anno la collaborazione dei due con il gruppo cinese e aperto scenari non proprio tranquillizzanti, soprattutto per l'Inter.

Lele Oriali, però, ha il cuore nerazzurro da sempre. L'ex Roma ha un compito fondamentale e prima di rinnovare il contratto la società sta aspettando.

Dopo il periodo negativo durato circa due mesi, Spalletti si è ripreso l'Inter e la squadra sta continuando a marciare verso la qualificazione in Champions: due vittorie ed un pareggio nelle ultime tre gare, Handanovic imbattuto da 301 minuti, numeri che sanno di ritorno importante per la qualificazione.

Come ripartire, adesso? Avanti solo con Ausilio o meglio cercare una figura che possa sostituire Sabatini?

I motivi ancora non sono note ma dovrebbero riguardare la poca autonomia nel muoversi in sede di mercato. "Devo pensare e aspettare le partite dell'Inter che deve stare tranquilla, i giocatori e lo staff tecnico devono lavorare quieti, ma battaglieri, perche' c'e' un grande traguardo da raggiungere e io non voglio far confusione - le parole di Sabatini -. Mi sarebbe piaciuto costruire una storia un pochino più consistente". Come era auspicabile, l'addio è esteso anche all'Inter. Piu' chiaro di cosi'.Resta da capire come la prendera' Luciano Spalletti, amico di Sabatini. Con il Napoli si erano visti dei segnali positivi, poi ribaditi contro la Samp.