Ready Player One: ScreenWEEK intervista lo scrittore Ernest Cline

Regolare Commento Stampare

Negli ultimi anni, la vastità di operazioni nostalgia relative agli eighties sta macinando in continuazione consensi e successo di pubblico, puntando tutto sulla rievocazione di immagini care a chi ha vissuto quel decennio o chi ha avuto l'occasione di rapportarsi con il suo immaginario collettivo. La storia è piena di riferimenti alla cultura pop degli anni '80.

In uno scenario futuristico, ambientato sulla terra del 2045 ormai inquinata e funestata da guerre e in cui gli abitanti sono costretti a vivere in spogli container, l'unico modo per evadere è il mondo virtuale di OASIS, creato da James Donovan Halliday (Mark Rylance).

Mai prima d'ora in questo periodo si era vista una pellicola che riuscisse a replicare in maniera così perfetta la struttura narrativa (e i suoi relativi stilemi e topoi) di un film di quell'epoca, implementandola però anche alla lezione appresa nel nuovo millennio, con un occhio all'evoluzione che il cinema ha sperimentato sulla propria pelle nel ventunesimo secolo.

Ready Player One: ScreenWEEK intervista lo scrittore Ernest Cline
Ready Player One: ScreenWEEK intervista lo scrittore Ernest Cline

Forse questo tema di carattere sociologico corre il rischio di rimanere in secondo piano rispetto alle molteplici e più citazioni, ma è possibile che ciò dipenda rispettivamente da ogni singolo spettatore. Ognuno di noi ha bisogno di immaginare, di sognare, ma quando questa diventa la condizione primaria di appartenenza, il modus vivendi, ogni contatto con la realtà viene inevitabilmente perso. Tuttavia, ad una pars costruens che si rispetti, c'è sempre dietro una pars destruens, e Spielberg conosce anche questa particolarità.

Ready Player One è il titolo del film di fantascienza diretto dal regista vincitore di ben tre Premi Oscar, Steven Spielberg, tratto dall'omonimo best seller di Ernest Cline che esce oggi nelle sale di tutta Italia; subito dopo il salto, il nuovo poster ufficiale italiano rilasciato da Warner Bros e la sinossi del film.

L'ultimo blockbuster di Steven Spielberg, Ready Player One, è ufficialmente certificato "fresh" su Rotten Tomatoes.