Roma, Szczęsny consiglia Florenzi: "Vieni alla Juve per diventare più forte"

Regolare Commento Stampare

"Fortunatamente - prosegue l'ex portiere della Roma - ho giocato molto di più di quanto pensassi e credo di aver fatto abbastanza bene". È più che positivo il bilancio tracciato da Wojciech Szczesny, portiere della Juventus, ai microfoni di 'Tuttosport'.

Szczesny ha sottolineato come allenarsi al fianco di Buffon non sia un modo per passare in secondo piano, mo motivo di grande orgoglio e insegnamento: "Per me era anche un'opportunità per allenarmi col portiere più forte del mondo".

L'obiettivo, oltre le vittorie, rimane quello di diventare il futuro numero uno della Juventus: "Io non ho mai vinto un campionato e posso imparare sia da Gigi sia da altri campioni come comportarmi in certe situazioni. Dopo questa esperienza sara' molto piu' facile diventare titolare".

Sullo spogliatoio: "Dopo le sconfitte in Supercoppa e in campionato con Lazio e Sampdoria ho visto il gruppo che non aveva paura, ma era tranquillo e sereno. Credo che questi aspetti siano fondamentali." . Siamo arrivati a marzo e siamo ancora in corsa in tutte le competizioni. "E infatti dopo quel momento è arrivato un goal subito in 16 partite". Lo faccio molto anche prima della partita, sul pullman e nello spogliatoio. Quando ero più giovane io mi distraevo, pensavo a quello che stavo facendo a casa con i videogiochi. Ora penso solo a dove si trova il pallone, dove c'è pericolo, dove sono i compagni. "Per me giocare a Wembley o, con tutto il rispetto, giocare a Frosinone è uguale".