Probabili formazioni Italia U21-Norvegia U21: la prima di Alberico Evani

Regolare Commento Stampare

L'Italia si ferma ai pali. Negli Azzurrini in campo per tutta la gara Rolando Mandragora, mentre è uscito all'89' Alberto Cerri. Gli Azzurrini guidati in panchina di Evani in sostituzione di Di Biagio promosso con i "grandi" per le due prossime amichevoli hanno avuto anche le occasioni per vincere, ma non sono riusciti a trovare il gol del definitivo sorpasso e anzi possono recriminare per la traversa colpita da Barella.

Partita in mano all'Italia fin dall'inizio, dopo cinque minuti potrebbe già segnare Parigini con un destro dal limite sul palo e Murgia che non riesce ad arrivare di testa sulla ribattuta. I legni colpiti da Parigini e Barella gridano vendetta. Evidenti le difficoltà norvegesi soprattutto in difesa, appena una chance vera creata dagli ospiti al 36' con cross da sinistra mal respinto da Mancini e Bjørdal azzarda un'acrobazia inguardabile.

"Sono fiero di essere qui, è un'opportunità inaspettata che cercherò di sfruttare al meglio". Evani rivoluziona la squadra, con Edera e Vido nel tridente con Cerri, Valzania a centrocampo e Dimarco laterale a sinistra.

Alberico Evani, al debutto da ct ad interim sulla panchina dell'Under 21, si affida ad un 4-3-3 nel quale la linea difensiva davanti a Meret è composta da Dickmann, Romagna, Mancini e Pezzella.

Norvegia (3-5-2): Bratveit; Hanche-Olsen, Knudsen, Nasberg; Johnsen (32'st Utvik), Ingebrigtsen (1'st Helmersen), Ryerson (18'st Sakor), Thorsby, Risa (18'st Jenssen); Espejord (1'st Hoff), Bjordal (18'st Konradsen).