Forti boati in Lombardia, due caccia hanno superato il muro del suono

Regolare Commento Stampare

L'hashtag "esplosione" su Twitter ha collezionato un numero incredibile di messaggi.

Centralini delle forze dell'ordine e del 118 intasati di telefonate per due violenti boati avvertiti in tutta la zona nord della Lombardia, da Varese a Bergamo. I due forti boati sono dunque dovuti al boom sonico generato dai due aeromobili. In alcuni casi hanno addirittura tremato i vetri delle case.

Stando alle prime informazioni, due caccia italiani Eurofighter sono decollati dalla base di Istrana vicino a Treviso per ordine dell'Aeronautica Militare. I due velivoli, sempre secondo fonti dell'Areonautica, sarebbero stati "autorizzati" a superare Mach 1.

Un aereo Boeing 777 dell'Air France, proveniente dall'Isola della Reunion e diretto a Parigi, era entrato nello spazio aereo italiano senza averne l'autorizzazione. Per ridurre al minimo i tempi d " intervento, legati alla particolare situazione di necessità, i due velivoli militari hanno superato la barriera del suono; anche se la quota era elevata, le condizioni meteorologiche hanno amplificato la propagazione dell'onda d'urto rendendola particolarmente udibile al suolo.

L'aereo di linea, un AF671A, potrebbe aver perso il segnale di aggancio alle torri di controllo e per questo ha modificato la rotta compiendo un giro di 360° su Aosta, sottolinea il TgCom24. Il volo sarebbe poi atterrato, alle ore 12:17, all'aeroporto Parigi Orly con u'ora di ritardo. Il forte rumore sentito dalla popolazione è prodotto dal cosiddetto "cono di Mach", la misurazione del rapporto tra la velocità di un oggetto in moto in un fluido e la velocità del suono nello stesso fluido. Altri esempi simili si hanno quando un aeroplano, volando a velocità superiore a quella del suono in aria, o quando semplicemente si fa schioccare una frusta.

Quanto accaduto è stato poi spiegato nel dettaglio con una nota stampa dall'Aeronautica Militare. È utilizzato dall'aeronautica militare italiana, dalla Luftwaffe (Germania), Royal Air Force (Regno Unito), e dall'Ejército del Aire (Spagna).