Il Google Doodle di oggi 14 marzo celebra il Pi Day

Regolare Commento Stampare

In occasione della giornata mondiale di Pi greco, festeggiata in tutto il mondo il 14 marzo, l'Università di Pisa celebra la famosa costante matematica con un'iniziativa al Museo degli Strumenti del Calcolo dal titolo 'Girotondo su Pi greco tra formule e racconti'.

Mercoledì 14 marzo 2018 alle ore 19.30 la cena dedicata alla matematica:greco day e sezione aurea organizzata, preparata e servita dagli studenti del Ristorante Didattico dell'Alberghiero A. Saffi.

"Il Pi Greco e' una costante matematica che rientra in moltissime leggi della fisica e ha innumerevoli applicazioni pratiche: e' fondamentale per calcolare le orbite dei satelliti, per prevedere l'andamento dei mercati finanziari e per studiare la propagazione delle onde elettromagnetiche con cui comunicano gli smartphone", spiega Anna Maria Paganoni, docente di statistica al Politecnico di Milano. La scelta della data è dovuta alla grafia anglosassone del numero 3.14, ovvero 3/14 che indica l'approssimazione ai centesimi di pi greco.

L'"Einaudi Pi greco day" si concluderà con un flash mob a Riva della Darsena accanto alla statua in bronzo di Archimede.

La prima edizione del Giorno del Pi greco prevedeva il marciare in cerchio intorno all'Exploratorium di San Francisco e il preparare torte (per la somiglianza tra le parole "pie", torta, e "pi"). In matematica il pi greco è il rapporto tra la circonferenza di un cerchio e il suo diametro, ma nella cultura pop il simbolo è arrivato a rappresentare l'ignoto nei suoi termini più ampi. 22/7, infatti, è, sin dai tempi di Archimede, una nota frazione che approssima il valore di Pi greco, ovvero 3,14.

Dal punto di vista matematico, Pi greco è un numero interessantissimo: irrazionale (non può essere ottenuto come rapporto di due numeri interi) e trascendente (non può essere soluzione di una equazione polinomiale a coefficienti razionali).

Tutti noi abbiamo avuto a che fare con Pi greco, piccolo, grande incubo quando si trattava di affrontare determinate materie a scuola, soprattutto la geometria.