Arrestato attore di Gomorra, spacciava droga a Scampia

Regolare Commento Stampare

Dal 2008 a oggi sono passati 8 anni e siamo a sette arresti tra i membri del cast di Gomorra. Si tratta di Salvatore Russo, che nella pellicola del 2008 interpretava l'uomo che, per conto di un clan della camorra, metteva alla prova il coraggio dei giovani aspiranti camorristi facendo indossare loro un giubbotto antiproiettile e sparandogli contro.

C'è anche un attore del film Gomorra di Matteo Garrone tra i nove destinatari di provvedimenti cautelari eseguiti martedì mattina dai Carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Napoli Stella nell'ambito di indagini sullo spaccio di droga nel Lotto P di Scampia, noto anche come "Case dei puffi". E' uno scherzo del destino, infatti, quello che ruota attorno alla figura di Salvatore Russo, detto "Totoriello".

Già a novembre 2016 nel corso di un blitz dei Carabinieri sempre nelle Case dei puffì, Russo era finito in manette, colto in flagranza mentre fungeva da vedetta ordinando i tossicodipendenti in attesa per l'acquisto delle dosi di eroina o cocaina.

I militari dell'Arma, sotto la direzione della Procura partenopea sono riusciti a ricostruire, con sistemi investigativi tradizionali e tecnici, ruoli e mansioni di ognuno degli indagati ed a sequestrare oltre 2,5 kg di eroina e 1 kg di cocaina nonché ad appurare che la piazza di spaccio faceva riferimento al sodalizio criminale "Vanella Grassi". In seguito era stato fermato Giovanni Venosa, affiliato al club dei casalesi, che nel film recitava la parte del capo che ordinava a due ragazzi di non portare avanti attività criminali nel territorio.

Infine, è stato condotto in carcere anche Bernardino Terracciano che in Gomorra interpretava il ruolo di un boss e che, oggi, è stato condannato all'ergastolo per duplice omicidio.