Striscia la Notizia: Vittorio Sgarbi e la fake news sulle file al Caf per il reddito di cittadinanza

Regolare Commento Stampare

Striscia la Notizia ha confenzionato una bufala anche piuttosto divertente sulle code, presunte o meno, ai Caf di diverse città del Sud per richiedere informazioni o moduli sul reddito di cittadinanza.

Sgarbi spiega come, insieme al suo ufficio stampa, nella telefonata incriminata, stesse solo "commentando la notizia delle file al Caf per il reddito di cittadinanza concordando, quindi, di rilanciarla, con toni ironici sui nostri profili social, cosa che, peraltro, com'è facilmente verificabile, non abbiamo più fatto proprio per le notizie contraddittorie che si susseguivano".

Il programma di Antonio Ricci trasmette un fuorionda di Vittorio Sgarbi in cui parla con un "misterioso personaggio" che gli dice questa parole al telefono "Domattina volevo fare un post di questi ironici...così gli inondiamo il sito internet di.no, no, dico una cosa ironica volevo scrivere così: da oggi sono in distribuzione 1000 euro presso i circoli del Movimento 5 Stelle". "Aiutiamo Striscia a capire di chi è la voce nel video".

Quello che ancora non era stato rivelato era il vero autore di questa fake news ma, 'Striscia la Notizia', tramite un esclusivo fuori onda, ha mostrato come dietro tutto questo ci sia anche la mano del famoso critico d'arte Vittorio Sgarbi. Ecco perché per Striscia la Notizia Vittorio Sgarbi potrebbe avere il dono della preveggenza.

Oltre a questo, quanto suggerito a Sgarbi non c'entra nulla con quella che Striscia la Notizia definisce una bufala.

La scorsa domenica, in data 4 marzo 2018, sono avvenute le votazioni per le attese elezioni politiche 2018, che hanno visto l'affermazione del 'Centro Destra' come la coalizione politica ad aver raggiunto il maggior numero di seggi sia alla Camera sia al Senato e l'importante plebiscito di voti conseguito dal 'Movimento 5 Stelle', che si è affermato come il primo partito politico.