Sarri-giornalista: "Non ti mando ac***, sei carina". Bufera

Regolare Commento Stampare

Ecco dunque che il pareggio senza reti in casa dell'Inter deve essere considerato un buon risultato, a prescindere dal sorpasso incassato dalla Juventus. La collega aveva chiesto se dopo il pari lo scudetto fosse compromesso. Sarri tace. Riflette (più o meno) e poi va liscio: "Sei una donna e sei carina per questo non ti mando a fanc...". Con dieci giornate al termine del campionato gli uomini di Sarri hanno il diritto di provarci ancora senza arrendersi: dopo trenta partite, attualmente, il Napoli è secondo a quota 70 punti in classifica. Ciò che era più difficile prevedere è stata la ripetitività ossessiva del palleggio del Napoli, nel primo tempo qualcosa di ipnotico, una miriade di tocchi sul breve senza che il pallone si spostasse in modo efficace. Il video è diventato un caso sui social in queste ore con una valanga di critiche al tecnico del Napoli. A quel punto, come riporta l'Ansa, Sarri si è scusato. "E anche dopo Inter Napoli il clan ha continuato a scureggiare con la bocca/tastiera/penna... mai servi".

L'Unione Stampa Sportiva Campana ha ricordato a Sarri che "tra i doveri di un allenatore c'è quello di mantenere un atteggiamento corretto nei confronti degli organi di informazione anche nei momenti di rabbia, concitazione e frustrazione professionale". Resta la delusione per un' ulteriore dimostrazione di maschilismo nel mondo del calcio, i colleghi presenti dovevano star zitti.