Juventus, Allegri zittisce Pochettino: nessuna pressione su arbitro

Regolare Commento Stampare

Iniziando proprio da domani pomeriggio, quando all'Allianz Stadium si recupererà la sfida con l'Atalanta, spazzata via dalla neve due domeniche fa.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Premium Sport dopo la vittoria con l'Udinese: "Non abbiamo fatto ancora niente, la stagione finisce a maggio". Prima c'è l'Udinese, ci saranno anche difficoltà. Però bisogna fare un passetto alla volta perché il napoli è lì, ha grandi possibilità di vincere lo Scudetto, ci sta lo scontro diretto, poi abbiamo partite difficili. Se lo sarà dopo la sosta, tra 20 giorni o un mese, questo lo vedremo. "Cerchiamo di fare anche dei punti domani perché il Napoli non è tagliato fuori dallo scudetto". Domani dobbiamo fare la partita per vincere, contro l'Atalanta che fisicamente ci impegna molto, poi vediamo sabato. Quindi al momento la quota Scudetto è 100.

CHAMPIONS - "Higuain era già consacrato in Europa, la cosa più importante non per lui ma per la Juventus è che mercoledì sia stato fatto un risultato straordinario".

"Un po' nelle caratteristiche, anche se rispetto all'anno scorso siamo abbastanza simili, è arrivato Matuidi che è un giocatore di temperamento". Gli è rimasto il campionato, è normale che puntino tutte le forze sul campionato. E per noi sarà difficile perché abbiamo i quarti di finale di Champions, speriamo di avere le semifinali. Loro possono vincere tutte le partite, noi grazie ai ragazzi siamo in tutte le competizioni. Il Napoli ha le potenzialità per vincere tutte le partite, come giustamente dice Sarri. "Sarri deve essere orgoglioso di quello che ha fatto al Napoli in questi anni".

"Volevo solo provare a spiegare che una squadra come la Juventus ci ha dato una grande lezione su come comportarsi in queste situazioni". E' una mezz'ala, ha corsa, fa gol, assist e ha tiro. Nessun dubbio sul rigorista tra la Joya e il Pipita: "Il rigorista è Dybala, se si cambia lo deciderò il io". Sono contento, credo che oggi abbiamo giocato bene e stiamo migliorando un po' tutti in condizione. "A me del record dei 102 punti non mi frega nulla".

"Non dobbiamo esaltarci se vinciamo domani - ha aggiunto Allegri - perché i numeri parlano chiaro: il Napoli ha 70 punti e può arrivare a 100, quindi è quella la quota Scudetto".

"Higuain è un giocatore straordinario, non solo in fase realizzativa, ma anche dal punto di vista tecnico".

Buffon ha detto che continuerà finché avrà voglia di soffrire.