Gaza: attacco al premier palestinese, illeso. L'Anp accusa Hamas: "Vigliacchi"

Regolare Commento Stampare

Un ordigno esplosivo è stato lanciato contro il convoglio del premier del governo dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Rami al-Hamdallah, poco dopo il suo ingresso nella Striscia di Gaza. Secondo una fonte delle forze di sicurezza e alcuni testimoni, con il premier c'era il capo dell'intelligence palestinese Majid Faraj, anche lui rimasto incolume. Secondo le prime informazioni, a esplodere sarebbe stata una mina artigianale posta ai margini della strada di ingresso a Gaza. La polizia di Hamas ha affermato di aver arrestato due persone sospette. Il primo ministro è andato al centro di purificazione dell'acqua nel nord della Striscia e le immagini della sua visita sono state trasmesse in diretta dai media locali.

La presidenza dell'Anp ritiene Hamas "responsabile del vigliacco attacco" al convoglio del primo ministro palestinese Rami Hamdallah e al capo dell'intelligence Majed Freij secondo quanto riferito dall'agenzia ufficiale palestinese Wafa.

Al momento dell'esplosione, insieme al premier Hamdallah c'era anche Majed Freji, capo dell'intelligence palestinese. Feriti in modo grave sarebbero, secondo le stesse informazioni, due passanti. Malgrado l'attacco, Hamdallah non ha finora alterato il programma della visita. L'Autorità Nazionale Palestinese non ha dubbi: "Hamas è il responsabile del vigliacco attacco". "Coloro che hanno ispirato e perpetrato l'attacco di oggi tentano di distruggere le chance di pace".