Premio Oscar 2018 a Guillermo del Toro per "La forma dell'acqua"

Regolare Commento Stampare

In una serata degli Oscar 2018 che ha rispettato tutti i pronostici dei bookmakers e che non ha riservato sorprese o scossoni c'è una grande soddisfazione per l'Italia: il film di Luca Guadagnino, "Chiamami col tuo nome", vince l'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale firmata da James Ivory. L'altro messaggio passa attraverso i tanti elogi ascoltati per Fox Searchlight, la società che produce film a "piccolo" budget (come il vincitore e Tre manifesti) e che il passaggio di 20th Fox, che la controlla, alla Disney rischia di far sparire, mettendo ancor più in crisi i progetti meno convenzionali, come appunto quelli che hanno dominato questa edizione degli Oscar.

Inoltre Sam Rockwell ha vinto un Academy Award come miglior attore non protagonista di Tre manifesti a Ebbing, Missouri, ed Allison Janney come miglior attrice non protagonista di Tonya, sulla pattinatrice Tonya Harding. "Ringrazio Luca Guadagnino per la sua sensibilità di regista" ha detto Ivory dal palco. Lo sceneggiatore americano che non ha nascosto la sua gioia è così il vincitore più anziano degli Oscar. Una vittoria in parte pre-annunciata visto che la pellicola alcuni mesi fa aveva vinto il Leone d'Oro a Venezia.

Frances McDormand: il suo discorso resterà nella storia degli Oscar. "Chiamami col tuo nome", conquista invece la statuetta alla miglior sceneggiatura non originale. L'altra, sulla statuetta Oscar: "È l'uomo perfetto: tiene le mani a posto, non dice parolacce, non ha neanche il pene: è il simbolo del tipo di uomo di cui abbiamo bisogno oggi".

Merita una menzione anche la leggenda del basket Kobe Bryant, che ha vinto il premio per il miglior cortometraggio d'animazione, Dear Basketball, adattamento animato della lettera, scritta da lui, in cui annunciava il suo ritiro. Non si tratta della critica, nè tantomeno del pubblico (che la adora), ma della sua famiglia.

I candidati all'Oscar potranno così portare con sé chi desiderano e soggiornare nei paradisi del mondo gratuitamente, facendo snorkeling e partecipando a dei safari gentilmente offerti dalla produzione degli Oscar. "Allora non successe ma ora è arrivato il momento". La mia casa, la mia famiglia e ora questo Oscar. ha concluso ringraziando la madre, "più anziana degli Oscar". Di certo il più soddisfatto può essere del Toro.