F1, test: Raikkonen davanti nell'ultimo giorno, ma occhio al passo gara Mercedes

Regolare Commento Stampare

A Maranello si può sorridere anche per le buone prestazioni della Haas di Magnussen, motorizzata Ferrari, che ha conquistato il secondo tempo della mattinata.

Ancora qualche problema per la McLaren che, con Fernando Alonso alla guida, è stata costretto ad un cambio di Power Unit che ha condizionato il programma di oggi; 93 giri per lo spagnolo che comunque ha chiuso con un ottimo 2° tempo (con HyperSoft a fine giornata) e che in questi giorni si è dichiarato fiducioso in vista del primo Gp della nuova stagione.

Se i migliori tempi sono arrivati al mattino, per vedere dei long run abbiamo dovuto aspettare il pomeriggio.

Il premio per il miglior chilometraggio (forse il valore più importante) va invece alla Mercedes che oggi, prima con Lewis Hamilton (oggi 11° con 97 giri) e poi con Valtteri Bottas (6° con 104 giri), ha superato il traguardo di 1000 giri percorsi. L'olandese è stato costretto a interrompere il lavoro ben tre volte ed è riuscito a completare solo 38 tornate. "Il pilota spagnolo è tornato a girare dopo quasi 7 ore, chiudendo al sesto posto, alle spalle della Toro Rosso-Honda di Brendon Hartley, arrivato a 1'19" 823 con le hyper soft e 118 giri all'attivo.

"A chiudere la "top 5" della mattinata è la MacLaren di Vandoorne che sfiora il tempo medio di tutti gli altri piloti fuori dalle prime cinque posizioni (1'19"), ma li precede con un crono di 1'18" 858. E questo dice che Ferrari c'è, sia in configurazione più aggressiva - forse eccessivo definirla da qualifica - sia sul passo gara.

Un lavoro che è stato prontamente confrontato con quello di Mercedes e Red Bull evidenziando dei livelli di performance molto simili tra i tre team.