Oscar 2018:la gag di Guillermo Del Toro che ritira il premio

Regolare Commento Stampare

Un Del Toro commosso, nel suo discorso di ringraziamento, ha citato due maestri come Steven Spielberg e Douglas Sirk, dedicando il premio ai giovani cineasti "perché credano che anche con il fantasy si possa raccontare la realtà". Il film "Chiamami con il tuo nome" dell'Italiano Luca Guadagnino ha vinto un importante Oscar per la miglior sceneggiatura non originale scritta dall'89enne James Ivory. Ovviamente anche qui non si poteva non premiare il trucco di Oldman, per la sua notevole trasformazione nel cancelliere, merito di KazuhiroTsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick.Altra certezza il Premio alla migliore attrice, che è andato alla straordinaria FrancesMcDormand (al secondo Oscar dopo quello per "Fargo") per il film "Tre manifesti a Ebbing, Missouri", che si aggiudica la statuetta ancheper il miglior attore non protagonista, Sam Rockwell. L'attrice oggi ha 62 anni e il tempo dei balli con la tonaca sono passati da un po', ma nonostanti gli anni ha esibito uno splendido vestito fiorato di Christian Siriano.

Dopo infinite ore di premi tecnici, performance musicali e pubblicità, finalmente si è arrivati al Miglior attore protagonista. Questa volta nessun errore, il vincitore è La Forma dell'Acqua con la sua creatura anfibia.

Premi Oscar 2018, è tutto pronto per la grande notte del Dolby Theatre di Los Angeles. Poche sorprese previste in questa edizione degli Oscar, a differenza dei Golden Globes, ma ormai abbiamo conosciuto bene l'Academy: nulla è da escludere, basti pensare al finale thriller della scorsa edizione con La La Land, favoritissimo per la vittoria al Miglior Film, battuto da Monlight di Jenkins.

Miglior documentario a Icarus di Bryan Fogel e Dan Cogan. Miglior film straniero al cileno "Una donna fantastica" del regista Sebastián Lelio.

Miglior sonoro a Richard King e Alex Gibson per Dunkirk.

Da non dimenticare anche il conferimento del premio Oscar per il miglior cortometraggio d'animazione a Kobe Bryant, ex giocatore di pallacanestro, per aver scritto "Dear basketball".

Miglior canzone a Remember me di Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez in Coco.

Infine un altro film ambizioso, "Blade Runner 2049", del canadese Denis Villeneuve, sequel celebre cult movie di Ridley Scott ha vinto due statuette per gli effetti speciali e per la fotografia ad opera del grande operatore Roger Deakins. A vincere il premio per la Miglior sceneggiatura originale è stato il film Get Out.