Fca, Marchionne: non è momento per alleanze, focus su obiettivi

Regolare Commento Stampare

Sergio Marchionne, attuale amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, ha confermato che in futuro potrebbe essere prodotto nello stabilimento di Pomigliano un nuovo SUV di Jeep. "Sarà parte importante del piano che lanceremo a giugno". Sono due brand che non hanno il problema dell'internazionalizzazione, perché abbiamo stabilimenti che sono stati attrezzati, anche a livello di powertrain, per essere in Europa e in Italia.

"Siamo concentrati sugli obiettivi al 2020 - ha aggiunto il numero uno di Fca al Salone dell'auto di Ginevra - siamo impegnati su questo". "Finché il mercato non valuterà il valore dei nostri risultati, bisognerà aspettare", ha precisato. "Diminuiremo la dipendenza da questo settore nel futuro non abbiamo scelta" ha proseguito. "Se il mercato da' un messaggio chiaro contro il diesel dovremo fare così". In che modo avverrà non lo so.

In merito agli effetti dei dazi sull'acciaio annunciati dal presidente Usa, Donald Trump, l'ad di Fca ha dichiarato: "Penso che noi potremo assorbirli nel 2018, abbiamo visto già qualche cambiamento dei prezzi e nei mercati. Oltre a Milan e Inter entreranno sul mercato e avranno un ruolo non marginale" ha aggiunto.