Fontana avanti in Lomabrdia, Zingaretti nel Lazio (exit poll)

Regolare Commento Stampare

La forbice in basso, al 30%, tuttavia gli consegna un possibile testa a testa con Stefano Parisi, il candidato del centrodestra, attestato su un 26%-30%.

Nessun problema per tutti i big del centrodestra candidati in Lombardia: da Ignazio La Russa a Paolo Romani, da Licia Ronzulli a Mariastella Gelmini, da Giuseppina Versace a Stefania Craxi, da Michela Vittoria Brambilla a Laura Ravetto, hanno tutti facilmente vinto i loro collegi.

I CANDIDATI IN LOMBARDIA - Attilio Fontana, ex sindaco leghista di Varese, sostenuto da 7 liste: Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia, Energie per la Lombardia e Pensionati, e la lista civica 'Fontana presidente' (solo in 7 province su 12). La vittoria di Zingaretti, che fino a qualche settimana fa sembrava scontata e con largo margine, ora appare sudata e di misura. In corsa, anche lui appoggiato da sette liste, il sindaco pd di Bergamo Giorgio Gori: Pd, Lista Gori, Obiettivo Lombardia per Gori, Insieme, Lombardia Progressista, +Europa e Civica Popolare. Il partito di Pietro Grasso ha scelto di sostenere il governatore uscente del Lazio perchè con il suo programma garantiva "una svolta a sinistra". Nel 2013 Zingaretti aveva vinto con il 40,65% e un 41,64% della coalizione, contro il 29,32% dello sfidante di centrodestra Francesco Storace, la cui coalizione si fermò al 32,80%.

L'affluenza, rispetto alla precedente tornata, è stata importante. E alla Pisana? Per la Regione Lazio Zingaretti è in testa con 34,4% secondo i dati Rai ma il dato non è ancora chiaro se stia stabile. Cinque anni fa era del 72%.

In Provincia di Como invece sono state spogliate 5 sezioni su 551.

"Il dato più notevole della giornata mi sembra la fila di elettori, mai vista così lunga". E il responso delle urne è arrivato. I data forniti da Eligendo, portale realizzato a cura della direzione centrale dei Servizi elettorali del ministero, alle ore 19 fissavano l'affluenza lecchese a quota 64,12% (62,49% nel capoluogo) per quanto riguarda le Politiche e a 61,67% (59,68% nella sola Lecco) per le elezioni Regionali. Lo spoglio ufficiale inizierà lunedì pomeriggio ma il distacco tra Attilio Fontana e il candidato del centrosinistra Giorgio Gori è incolmabile. Onorio Rosati di Leu, infine, si fermerebbe tra il 2 e il 4%.

"Il dato lombardo è molto importante".