Trump vuole insegnare ai professori a sparare. I giovani dicono no.

Regolare Commento Stampare

Durante la seduta, il papà di una vittima, con riferimento al killer 19enne, al presidente ha ricordato. E lo ha ammonito a "dire la verità", ad ammettere che le armi sono state la causa della tragedia.

Donald Trump, presidente degli USA, identifica nei videogiochi una delle cause dell'ondata di violenza nelle scuole americane. La rabbia e la protesta continuano però a percorrere il paese, imbracciate da centina di studenti e genitori determinati a far sentire la propria voce.

Prende corpo la controversa ipotesi di Donald Trump di armare gli insegnanti nel tentativo di arginare il crescente numero di sparatorie nelle scuole statunitensi. Rispetto alla proposta di bandire l'acquisto di armi sotto i 21 anni, un divieto che avrebbe impedito all'autore della strage in Florida di armarsi, Trump ha mostrato delle aperture. La Nra si è detta da tempo disposta a finanziare programmi per aumentare il personale armato nelle scuole. Quindi oggi, uomini e alle donne di questo movimento dei conservatori, vi esorto: "fate che questo sia il giorno in cui il nostro movimento decida di ottenere un'altra vittoria per il popolo americano nel 2018", aveva detto Pen. Uno studio del 2012 del Violence Policy Center ha rivelato che chiunque porti una pistola ha una probabilità 4, .46 volte superiore di essere colpito da uno stragista di chi non ce l'ha.

Tra le misure previste, si procederà anche a monitorare la salute mentale dei cittadini armati. Ha trascorso oltre un decennio nel Bronx. "Dobbiamo armare gli insegnanti con più soldi nelle loro tasche", ha aggiunto Robert Runcie, il sovrintendente delle scuole pubbliche della contea di Broward, dove si trova il liceo Douglas, teatro della strage della scorsa settimana. "Sono totalmente incantata dagli straordinari studenti in Florida". Dopo l'incontro con Trump, la studentessa Isabella Barry ha detto alla CNN: "Vuole addestrare gli insegnanti a combattere il fuoco con il fuoco, se continuassimo ad accumulare la quantità di armi che stiamo vendendo e dando alla gente, mi sentirei come se non avessimo fatto nulla, Sento che non è proprio necessario".