Siria, forze filo-Damasco entrano nella regione di Afrin

Regolare Commento Stampare

L'ora del redde rationem è scattata.

La Casa Bianca sa delle affermazioni della Siria contro la Turchia in relazione all'uso di armi chimiche contro i curdi ad Afrin, ma lo ritiene improbabile, ha dichiarato a RIA Novosti il funzionario dell'amministrazione presidenziale statunitense Michael Anthony. In questa categoria il presidente turco comprende sia i jihadisti del sedicente Stato Islamico sia i miliziani curdi delle Ypg, le unità di protezione popolare che Ankara considera parenti strette del Pkk fuorilegge.

Secondo diverse fonti, le milizie alleate di Damasco avrebbero iniziato a convergere verso la regione: "Gruppi di forze popolari siriane cominciano a entrare nella regione di Afrin nel Rif settentrionale di Aleppo", riferisce la tv al-Manar degli Hezbollah libanesi, alleati delle forze di Bashar al-Assad. Nelle immagini i combattenti fanno il segno della vittoria.

La strada è percorsa dalle milizie filo Assad che oggi sono entrate ad Afrin in aiuto ai curdi assediati dai soldati di Ankara. Le notizie non sono verificabili in maniera indipendente sul terreno.