Doping, positivo al meldonio il russo Krushelnitckii, bronzo nel curling

Regolare Commento Stampare

Krushelnytsky, 25 anni originario di San Pietroburgo, ai Giochi olimpici di PyeongChang ha conquistato la medaglia di bronzo nel curling doppio misto assieme alla moglie Anastasia Bryzgalova, considerata una delle miss delle Olimpiadi coreane. Il meldonium, usato per curare pazienti con problemi cardiaci ma in grado di aumentare le prestazioni degli atleti, è stato inserito tra le sostanze vietate dalla Wada nel gennaio 2016.

ansaSaranno effettuate nel corso della mattinata di domani le controanalisi (prova B) sul test antidoping risultato non negativo al meldonio che ha interessato il giocatore di curling russo Alexander Krushelnytsky. Lo riferiscono media russi citando il portavoce della squadra OAR a proposito di una comunicazione ufficiale ricevuta dal CIO.

Krushelnitckii avrebbe già negato di avere assunto la sostanza e, parlando con i capi della delegazione Oar, avrebbe confidato di temere che durante il ritiro dello scorso gennaio in Giappone un suo compagno non selezionato per i Giochi abbia potuto contaminare una bevanda col meldonium. La coppia russa ha vinto il bronzo, sono stati anche i primi a gareggiare a PyeongChang con la divisa neutra e i primi a catturare l'attenzione in una spedizione che non ha ancora vinto un oro. Un caso che sconvolge il comitato olimpico in Corea, il primo episodio di doping in quest'edizione dei giochi invernali. E la Russia, che spera di ottenere il via libera per sfilare sotto la sua bandiera almeno alla cerimonia di chiusura domenica prossima, finisce di nuovo nell'occhio del ciclone.