Nave Sharden urta banchina a porto Genova, nessun danno a persone

Regolare Commento Stampare

Incidente questa mattina, fortunatamente senza feriti, per il traghetto Sharden della Tirrenia al suo arrivo a Genova: la nave era salpata il giorno prima da Porto Torres. La Compagnia ha provveduto immediatamente ad avvisare dei fatti accaduti le autorità preposte. A prima vista il danno a Ponte Colombo non sembra grave ma è in corso di valutazione. Le cause dell'urto sono ancora in fase di accertamento. Già da oggi sono cominciati i lavori di riparazione alla nave - fa sapere la compagnia - che nel giro di pochi giorni sarà di nuovo operativa. Abbiamo chiamato i sommozzatori che presenteranno una relazione": "ha detto Edoardo Monzani, amministratore delegato di Stazioni Marittime spa, la società che gestisce i terminal traghetti e crociere del porto di Genova. "Quello delle banchine è un pungiglione che ho perennemente conficcato".

Nel frattempo la Sharden sarà sostituita dalla nave Janas, che stasera sarà sulla linea Genova-Porto Torres. Siamo sfortunati. Proprio ieri - dice Monzani - erano iniziati i lavori a Ponte Doria (dove la banchina aveva ceduto lo scorso settembre ed era rimasta inutilizzabile per le navi sopra i 220 metri, ndr) che dureranno due mesi. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della Capitaneria di Porto che ha effettuato le verifiche necessarie.

Come nel gioco del Tetris, agli operatori del porto si chiede un'attività di spostamenti, alternanze e incastri, al fine di evitare disagi ai passeggeri, scongiurando l'interruzione di qualsivoglia servizio. "Ora c'è poco traffico, l'importante è riuscire a sistemare tutto per la primavera inoltrata, in modo da far fronte al grosso movimento". "La situazione ci complica ma ci metteremo mano", completa Monzani.