Muore Bibi Ballandi, produttore televisivo: dolore dei vip

Regolare Commento Stampare

Come richiesto dal produttore e dalla moglie, a presiedere la messa sarà monsignor Ernesto Vecchi legati da una vecchia amicizia datata 1997 quando hanno lavorato insieme per l'organizzazione del concerto per il congresso eucaristico di Bologna alla presenza di Papa Giovanni Paolo II.

Da tempo era malato di tumore.

Sono tanti i vip che in queste ore gli stanno dedicando un ultimo saluto. Sino al Capodanno Rai, che per molte edizioni si è svolto a Rimini. Al momento non si è detto niente a riguardo ma sicuramente potrebbe non essere così. "Ho conosciuto Bibi Ballandi grazie a Ballando con le stelle". Ha combattuto come un leone ma alla fine la lunga malattia lo ha ucciso e il produttore è scomparso oggi all'età di 71 anni lasciando la famiglia e gli amici addolorati e affranti.

Sui social è partito il tamtam dei personaggi con cui ha lavorato.

E immediata scoppia la polemica sulla Rete per il fatto che la notizia le sia stata data durante la trasmissione: "Credo che neanche la D'Urso arrivi a comunicare la morte di una persona davanti ad un'amica in diretta, come invece è stato fatto a #Unomattina con #MillyCarlucci" dice qualcuno. Porto nella mia vita tutte le cose preziose che mi hai insegnato. "Buon viaggio Bibi". Il mondo dello show italiano è in lutto per la perdita di un uomo intelligente, gentile e dalle idee brillanti. Con la sua società Ballandi Multimedia ha realizzato programmi televisivi di grande successo. "Questa sera #il rosario della sera su @radiodeejay non andrà in onda. Profondo dolore": è per esempio il tweet di Rosario Fiorello, che al produttore bolognese deve il passaggio in Rai e la rinascita artistica dai tempi di "Stasera pago io".

"Una rapida occhiata ai ricordi di #bibiballandi pubblicati su Twitter e Instagram e scoprirete che il mondo dello spettacolo non solo televisivo, da Dalla ai Pooh, da Fiorello a scendere ovviamente, l'ha trattato lui, ed è tutto vero". "Ciao bibi non dimenticherò il tuo buonumore, la tua emilianità i tuoi saggi proverbi e parole. E i nostri successi con i bambini di tluc, tanti anni che mi guarderai da lassu' mangiando un piatto di tortellini della Lella".