Milano. Incidente nella Montebello: carabiniere muore colpito da un collega

Regolare Commento Stampare

Un colpo partito per sbaglio dalla mitraglietta ha ucciso il carabiniere Andrea Vizzi.

"Dotato di estrema cordialità egli in poco tempo era riuscito caparbiamente a superare le inevitabili lacune professionali, dovute alla poca esperienza, ponendosi quale costante punto di riferimento per tutti i colleghi del Comando Carabinieri di Bovolone", il ricordo dei colleghi scaligeri, che hanno diffuso una nota di cordoglio dopo la sua scomparsa, "Era dotato di un ottimo acume investigativo e di una notevole capacità di analisi dei fenomeni delinquenziali che lo supportavano positivamente nell'espletamento dei servizi perlustrativi e di polizia giudiziaria". Secondo quanto comunicato dai carabinieri si sarebbe trattato di un colpo accidentale esploso per errore. Gli operatori del 118 hanno tentato di rianimarlo per 40 minuti ma non c'è stato nulla da fare.

Un colpo di mitraglietta PM12 al torace.

Naturalmente, si sta indagando sull'accaduto per chiarire l'esatta dinamica dell'incidente. Ricordiamo che durante l'esercitazione i militari indossano un giubbotto antiproiettile, che purtroppo la vittima al momento dell'incidente non aveva, a dimostrazione che la vicenda è ancora poco chiara. Un collega del militare di 27 anni, un allievo carabiniere, lo ha sparato accidentalmente. Sembrerebbe che il collega di Vizzi, dalla cui pistola sarebbe partito il proiettile, sia stato accompagnato in ospedale in stato di shock. La notizia è emersa nelle ultimissime ore, ma in effetti qualcosa di strano era emerso nel pomeriggio, quando è emersa la richiesta urgente del Policlinico di Milano di sangue per poliziotti feriti. Finora sono pochi i dettagli emersi in merito a questa terribile tragedia.

Il militare deceduto face parte delle Aliquote primo intervento (Api) in forza al nucleo Radiomobile. L'incidente è avvenuto al secondo piano sotterraneo, proprio sotto il piazzale, dove è stata ricavata un'area di "addestramento in contesto urbano", di fatto un grande parcheggio nel quale vengono simulate alcune situazioni di potenziale conflitto cittadino. Nel frattempo, il collega che avrebbe colpito a morte il carabiniere è stato trasportato in ospedale in evidente stato di choc.