Migranti, i dati di Frontex: "Raddoppiati gli arrivi in Italia"

Regolare Commento Stampare

Migranti: Frontex, aumentano arrivi in Italia a gennaio. Nella classifica delle etnie seguono pakistani e tunisini.

Il Viminale ha reso noti anche i porti maggiormente interessati agli sbarchi: Pozzallo, Catania, Messina, Augusta, Trapani, Lampedusa, Crotone, Palermo, Porto Empledocle e Cagliari.

Mentre l'arrivo dei migranti in Italia è in aumento, la Spagna ha avuto una piccola tregua ad inizio 2018. I numeri sono lievemente risaliti a gennaio 2018, restando però in linea con i dati di gennaio 2017. Una diminuzione ancor più netta per gli stranieri giunti dalla Libia: 3.534 nel 2018, contro i 9.007 dell'anno precedente. "Il totale del mese - specifica - è all'incirca in linea con il gennaio dello scorso anno". Secondo l'agenzia Ue, sulle quattro principali rotte migratorie verso l'UE, si è registrato un calo di arrivi del 7% rispetto a un anno fa. Sulla rotta dei Balcani occidentali si sono registrati 300 arrivi. "Secondo i dati preliminari, gli eritrei sono stati il più grande gruppo di migranti individuati su questa rotta, seguiti - spiega Frontex - da cittadini del Pakistan e della Tunisia".

Peccato per loro, ma soprattutto per gli italiani che ogni giorno vivono sulla propria pelle gli effetti negativi di una immigrazione senza controllo, che l'agenzia Frontex abbia affermato che il numero degli sbarchi in Italia a gennaio ha superato la soglia dei 4.800, doppiando quella del mese precedente. La maggior parte dei migranti che arriva nella penisola iberica sono della Guinea, seguiti da Marocco, Costa d'Avorio e Mali. A gennaio 2018 il numero di migranti irregolari è diminuito del 43% rispetto al mese precedente, crollando a 1.850 persone. Siriana e irachena le nazionalità più rappresentate.