Mercato auto Europa, il 2018 inizia in crescita

Regolare Commento Stampare

Le immatricolazioni di auto in Europa registrano a gennaio un rialzo a una cifra percentuale, con Fiat Chrysler Automobiles (Fca) ancora più debole del mercato a causa del marchio Fiat.

In gennaio sono state 59.900 le immatricolazioni in Europa del marchio Fiat, per una quota del 4,7 % e il marchio migliora le proprie performance in Francia (+3,6 %) e in Spagna (+22,2 %).

La 500 e la Panda, con quasi 30 mila vetture immatricolate e una quota insieme del 28,5% - spiega Fca - confermano nel segmento A la consolidata leadership, ma aumentano anche rispetto a un anno fa le vendite di 500L (+5%), 500X (+21,8%) e Tipo (+4,5%). In Italia le vendite Alfa Romeo sono in crescita del 28,3 %, in Germania del 66,8 %, in Francia del 23,8 % e in Spagna del 34,5 %. Maserati a gennaio ha immatricolato 774 vetture. La crescita del mercato italiano invece è ben più modesta e al di sotto della media europea, ma dopo la crescita costante degli ultimi anni un lieve rallentamento (comunque sotto il segno "+") è fisiologica. I dati sono dell'Acea, l'associazione dei costruttori auto. Il contributo più importante al buon risultato del 2017 viene dalla Zona Euro che complessivamente fa registrare un incremento dell'8,6%, mentre l'area non euro dell'Unione cresce soltanto del 2,8%, appesantita soprattutto del negativo andamento del mercato del Regno Unito. Decisivo, inoltre, il peso dei cinque maggiori Paesi dell'Unione, dove le immatricolazioni complessive sono state 869.373, il 69,3% del totale. Brilla soprattutto per tasso di crescita il risultato spagnolo. Si difendono Italia e Francia che registrano rispettivamente incrementi del 3,4% e del 2,5%. Tra gli altri mercati da segnalare le crescite sopra il 30% della Romania (+66,4%), della Slovacchia (+48,8%), dell'Ungheria (+38,5%), della Grecia (37,5%), della Bulgaria (+36,8%) e della Croazia (+32.7%). Il gruppo francese ha consegnato 207.984 vetture, secondo solo a Volkswagen che con 308.353 auto vendute guida classifica e quote di mercato e vede tutti i suoi brand col segno +.