Liga: combine Levante-Saragozza, Felipe Caicedo nella lista degli indagati

Regolare Commento Stampare

Siamo al 21 maggio 2011, ultima giornata di campionato.

Secondo quanto rivelato dall'edizione cartacea dello spagnolo Marca, 41 persone sono indagate nell'ambito del maxiprocesso legato a Levante-Saragozza, partita di Liga giocata nella stagione 2010-2011, nel mirino degli inquirenti per un presunto caso di combine: tra questi il laziale Felipe Caicedo, all'epoca nel Levante. Il Levante era già salvo, il Saragozza era terzultimo e alla ricerca di punti per restare in Liga. Gli ospiti vincono 2-1, si salvano e in Segunda va il Deportivo.

VACANZE ECONOMICHE - Gli inquirenti sono convinti che il Saragozza abbia versato cash quasi un milione di euro al Levante per farsi battere, e che i soldi siano stati redistribuiti a giocatori e dirigenti. Tra le prove, anche l'evidente diminuzione delle spese dei giocatori del Levante in quell'estate rispetto alla precedente. Nel 2010 i giocatori del Levante spesero cifre altissime per portare in ferie la famiglia, mentre nell'estate del 2011 i soldi spesi furono molti meno. Segnale evidente, secondo gli investigatori, che avessero contanti da spendere. Dal tribunale avrebbero chiesto due anni di carcere e 6 d'inibizione da qualsiasi attività legata al calcio per gli indagati. È la prima volta in Spagna che un caso di combine nel calcio arriva a un tribunale penale. Tra i nove giocatori che avrebbero intascato denaro per truccare l'esito della gara ci sarebbero nomi altisonanti come l'ex Barcellona, Gabi, ora capitano dell'Atletico che allora giocava nel Saragozza, Ander Herrera che oggi gioca nel Manchester United, il centravanti del Girona (ex Reggina) Stuani, e l'attaccante Caicedo, che oggi gioca nella Lazio. Caicedo non compare nella lista di quei 9 giocatori, ma sarebbe nel registro degli indagati perché a conoscenza dei fatti.