Di Maio: "Chi ha tradito sarà cacciato"

Regolare Commento Stampare

"La vicenda in sé non è importante per i soldi che mancano - continua Renzi - il punto problematico semmai è che alla fine con questo meccanismo non si sa più chi è il candidato, ogni giorno Di Maio dice 'questo non è dei nostri, ci vergogniamo'. Non si può accettare che la mancata restituzione di una piccolissima parte del totale riferito alla restituzione non dovuta del proprio stipendio sia demonizzata e paragonata, solo per fare un esempio, ai 48 milioni di euro di soldi pubblici spariti dalle casse della Lega tanto cara a Salvini, per cui sono stati condannati Umberto Bossi, suo figlio e il tesoriere Belsito per truffa ai danni dello Stato". 'Non permetteremo a nessuno di inficiare il nome del M5s.

Il rally campano del candidato Premier Luigi Di Maio stamattina ha fatto tappa a Salerno.

Il problema però è che alcune di queste "mele marce" sono in lista per le elezioni, anche in collegi sicuri. Il movimento 5 stelle, che da anni vanta la restituzione da parte dei suoi deputati di una porzione del loro stipendio per versarlo al Fondo per il microcredito che finanzia la piccola e grande impresa, è stato accusato dalle Iene di non aver adempito ai propri doveri. Se sono vere le notizie pubblicate dalle Iene ieri sera sembrerebbe che fra coloro che non hanno versato chi sia anche l'on.

I primi ad essere stati tirati in ballo sono stati Andrea Cecconi e Claudio Martelli, parlamentari uscenti, per un totale di 100mila € di bonifici falsi. Il tempo di concludere le verifiche e per chi ha fatto il furbo non ci sarà più posto nel Movimento. Maurizio Buccarella invece "ci ha autorizzato" e così Elisa Bulgarelli. Borrelli ha comunicato alla delegazione italiana del MoVimento 5 Stelle che la sua è stata una scelta sofferta ma obbligata da motivi di salute. La stragrande maggioranza dei nostri portavoce ha ottemperato agli impegni presi e infatti nel fondo per il microcredito ci sono oltre 23 milioni di euro.

Di Maio:
Di Maio: "Chi ha tradito sarà cacciato"

Un buco da oltre un milione di euro.

"Quelle persone come Cecconi e Martelli le ho già messe fuori, per gli altri stiamo facendo tutte le verifiche che servono ma siamo orgogliosi di quello che è il Movimento". Ma c'è preoccupazione per gli altri parlamentari che potrebbero essere coinvolti nel caso.

Mi sono rivolto alle migliori competenze del Paese, per dirgli di partecipare a questo progetto, perché noi probabilmente triplicheremo i nostri seggi in Parlamento nonostante questa legge elettorale. Tutta questa battaglia mediatica continuerà a rendere il M5S più forte e per assurdo, più credibile, in base alle reazioni che Di Maio and Co. sapranno fare. Ad alcuni 'sospettati' i vertici del Movimento, in attesa delle carte del Mef, avrebbero chiesto di fornire tutta la documentazione della propria banca controfirmata dal direttore di filiale. I calcoli, fatto salvo eventuali errori commessi dai tecnici del Movimento nel riportare i dati delle restituzioni, sembrano volgere al peggio.